Gli allevamenti intensivi stanno decimando le piccole aziende. Ue: “Abbiamo sbagliato, è ora di fare marcia indietro”

CARNE AGRICOLTURA INTENSIVA

L’Unione europea corre ai ripari per cercare di arrestare il declino delle piccole aziende agricole e proteggerle dall’agricoltura intensiva promossa da decenni di politiche precedenti. Come riporta il Guardian, Janusz Wojciechowski, il commissario europeo per l’agricoltura, ha dichiarato: “La mia intenzione è che questo processo di scomparsa delle piccole fattorie venga fermato. Il settore alimentare europeo in passato era basato su piccole aziende agricole, e dovrebbe esserlo anche in futuro “.

Numeri impressionanti

L’analisi del Guardian mostra che il numero di allevamenti di pollame e bestiame da soli nell’Ue, esclusa la Croazia, è diminuito di 3,4 milioni tra il 2005 e il 2016, a 5,6 milioni, l’ultimo anno per il quale sono disponibili dati completi. Mentre il numero di pollame e bestiame è aumentato nel corso del periodo, il numero di allevamenti di bestiame è diminuito drasticamente, dimostrando che c’è stata un’enorme accentramento dell’agricoltura e che le piccole aziende sono andate perse. Il numero totale di tutti i tipi di azienda agricola nell’UE è sceso nello stesso periodo da 14,5 milioni a 10,3 milioni.

L’80% dei fondi al 20% delle aziende

“Questo accorpamento – scrive il Guardian – con più bestiame raccolto in un numero minore di aziende agricole, molte delle quali strutture di tipo industriale su larga scala, è accelerata con la politica agricola comune (Pac) dell’UE, che ha dominato l’agricoltura europea sin dalla sua introduzione nel 1962. traggono i maggiori vantaggi dal sistema di sussidi: circa l’80% dei 40 miliardi di euro di sussidi per pagamenti diretti va a solo il 20% degli agricoltori”. Wojciechowski ha ammesso: “Il motivo per cui abbiamo perso 4 milioni di aziende agricole nell’UE è stato un errore nella Pac. Il sostegno era troppo [orientato] all’agricoltura industriale e non abbastanza alle piccole e medie aziende agricole “.

La marcia indietro

Le riforme della Pac che saranno presentate questa settimana dall’UE includeranno misure per incoraggiare gli agricoltori a lasciare più spazio alla fauna selvatica, ad adottare standard biologici per il bestiame, a utilizzare meno fertilizzanti chimici e pesticidi e a nutrire suoli sani. Il tutto anche in un’ottica di sicurezza alimentare, e contrasto ai cambiamenti climatici, oltre che di difesa della biodiversità. Secondo il quotidiano inglese, però,  “il ritorno alle piccole aziende agricole in tutto il blocco sembra sempre più improbabile”. L’analisi dei dati del Guardian dà un’idea di quella che è stata molto più di una trasformazione economica tra le piccole aziende agricole. In Francia, Germania e Paesi Bassi, più di un terzo degli allevamenti di bestiame e pollame è scomparso dal 2005. Quasi 120.000 aziende avicole sono andate perse in Francia tra il 2005 e il 2016 e quasi 36.000 in Germania. In Italia solo i porcili sono crollati del 76% in una decade, tra il 2005 e il 2016.

La biodiversità ridotta

In questi anni, la produzione di cibo è aumentata, ma l’ambiente ne ha risentito. Il numero di uccelli dei terreni agricoli nell’UE si è dimezzato in tre decenni, secondo l’European Bird Census Council. Anche le popolazioni di insetti lo hanno fatto crollare: il numero in Germania è diminuito di tre quarti negli ultimi 25 anni, secondo uno studio sulle aree protette, e il numero di farfalle sui terreni coltivati ​​in Inghilterra è diminuito del 58% tra il 2000 e il 2009. Solo un quarto delle specie nell’UE ha buono stato di conservazione e l’80% degli habitat chiave è in cattive o cattive condizioni, secondo il cane da guardia ambientale europeo. “I produttori di nicchia che offrono pratiche agricole sostenibili sopravvivono a casaccio con la vendita dei loro prodotti a ristoranti o piccoli negozi, oppure vendono i loro animali vivi a titolo definitivo. Sono tagliati fuori dal mercato dominante “, ha detto al Guardian Fabio Ciconte, direttore dell’organizzazione ambientalista Terra.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente