In Sicilia scatta l’allerta per il virus che uccide pomodori e peperoni

VIRUS POMODORI

In Sicilia scatta l’allarme per la diffusione in provincia di Ragusa del ToBRFV (Tomato Brown Rugose Fruit Virus) il virus che attacca pomodori e peperoni decimando i raccolti e minacciando le piante di renderle sterili.

Il virus prende il nome dalle caratteristiche macchie rugose marroni, e i sintomi più frequenti dell’infezione, che possono variare a seconda di cultivar, condizioni climatiche e stagionalità, sono visibili su foglie (clorosi, macchie necrotiche) e su frutti (macchie gialle, brune, deformità, maturazione irregolare). Il virus è altamente infettivo e può danneggiare tra il 30 e il 70% delle piante di pomodoro e peperone e si trasmette facilmente per contatto e può persino sopravvivere sulle superfici. Secondo quanto riferito dagli esperti, non solo sono a rischio i raccolti, ma anche le colture di pomodori e peperoni perché la malattia riduce la resistenza della pianta rendendola quasi sterile.

La Regione Sicilia per contenere la diffusione del virus, in una provincia vocata alla produzione del pomodoro e pomodorino da insalata, ha disposto misure fitosanitarie obbligatorie. Una decisione che lascia perplessi perché nel 2020 in Francia, l’Ansens l’Agenzia per l’alimentazione, l’ambiente e la salute lavoro, di fronte alla presenza del virus aveva lanciato l’allarme proprio perché “non esiste trattamento per il momento”.

Secondo l’Anses, il virus “può essere trasmesso da semi, piante e frutti infetti, così come da un semplice contatto, sopravvive a lungo senza perdere il suo potere contagioso e oggi non esistono trattamenti o varietà resistenti”. Tutte le colture sono potenzialmente esposte, dalle grandi serre dei produttori di ortaggi a poche piante nell’orto familiare. Per questo l’Agenzia francese ha formulato una serie di raccomandazioni per evitare la diffusione del virus: attuazione di un piano nazionale di sorveglianza e rilevazione, sradicamento e distruzione da parte di incendi di piante contaminate.

Intanto il ToBRFV si sta diffondendo rapidamente anche a Malta, al punto che il ministero dell’Agricoltura ha imposto il divieto delle importazioni dalla Sicilia per almeno sei mesi.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente