Stufe a legna o a combustione, occhio alle emissioni di particolato e di C02. I consigli per andare sul sicuro

La morsa del gelo nelle ultime settimane di gennaio si acuirà, non darà tregua agli italiani. Per chi non ha un sistema di riscaldamento a casa o nel posto di lavoro, l’unica alternativa è quella della stufetta. Purtroppo i casi di cronaca relativi a incidenti anche letali legati la malfunzionamento sono tutt’altro che rari. Due inchieste, di altrettanti magazine dei consumatori, in Inghilterra e Francia, raccontano come identificare i rischi e scegliere il prodotto più sicuro.

Lo studio sulle stufe a legna

Come riporta Which, un recente studio che esplora i livelli di particolato rilasciato dalle stufe a legna domestiche ha concluso che le nuove stufe dovrebbero essere accompagnate da un chiaro avvertimento per la salute. Secondo i ricercatori dell’Università di Sheffield e dell’Università di Nottingham, esistono “alte intensità di PM2,5 e PM1” rilasciate dalle stufe. Si tratta di particelle sono state descritte dall’Organizzazione mondiale della sanità come un grave rischio per la salute, in grado di penetrare nei polmoni di una persona e di entrare nel flusso sanguigno. Lo studio mirava a determinare la misura in cui il particolato veniva emesso all’interno dalle stufe residenziali certificate dal ministero dell’Ambiente Uk. I sensori che misurano il PM sono stati posizionati vicino a 20 diverse stufe nel corso di quattro settimane – in quel periodo, sono stati registrati oltre 260 utilizzi. Ai partecipanti è stato chiesto di completare un diario di ricerca in cui hanno raccontato ai ricercatori l’ora in cui la loro stufa è stata accesa, la quantità e il tipo di combustibile utilizzato e la durata dell’uso.

Pm10 preoccupanti

Nel loro rapporto, il team di ricerca scrive: “Le concentrazioni medie giornaliere di PM indoor quando veniva utilizzata una stufa erano più alte per PM2,5 del 196,23% e PM1 del 227,80% rispetto a quelle del gruppo di controllo di non utilizzo”. In termini più semplici, il team ha concluso che le persone all’interno di case con una stufa residenziale sono a rischio di esposizione ad alte intensità di PM2,5 e PM1 a causa del “normale utilizzo”. Anche per questo, un portavoce del ministero dell’Ambiente ha dichiarato: “Sappiamo che c’è ancora molto da fare, motivo per cui stiamo eliminando gradualmente la vendita di carbone e legna umida per la combustione domestica e rendendo più facile per le autorità locali affrontare le emissioni dovute a incendi domestici attraverso la nostra storica legge sull’ambiente “.

I consigli per chi vuole una stufa a legna

Which? dà poi dei consigli a chi decidesse di mettere una stufa a legno a casa: “Assicurati che sia installata da un professionista di fiducia. È anche una buona idea far ispezionare la stufa ogni anno; Una stufa a legna riscalda generalmente uno spazio più ampio rispetto a un caminetto. Con questo in mente, considera come proteggerai l’area che circonda l’elettrodomestico. Investire in uno scudo termico potrebbe essere una buona idea; Assicurati che l’area sia ben ventilata. L’esposizione agli agenti inquinanti deve essere controllata e un’adeguata ventilazione attorno a una stufa a legna è fondamentale. Dovresti quindi cercare di massimizzare la ventilazione aprendo le prese d’aria vicine o una finestra, se necessario. In alcuni casi, potrebbe essere necessario aggiungere una ventola a casa tua, soprattutto se hai una stufa ad alta potenza; Pulisci regolarmente la stufa. All’interno dell’apparecchio potrebbe accumularsi del materiale di scarto che aumenta la quantità di fumo prodotto; Brucia solo legna secca. Asthma UK e la British Lung Foundation ci hanno detto che bruciare legna bagnata o non stagionata è “particolarmente inquinante e nociva”, motivo per cui il legno essiccato in forno è l’alternativa preferita”.

Stufe a cherosene, pessimi risultati con Co2

Affrontata la categoria delle stufe a legna, passiamo ora a quelle a cherosene, che rivendicano come punti di forza il fatto di riscaldare velocemente e con forza, e la facilità di installazione perché non hanno sistema di scarico all’esterno. Il magazine francese 60 millions de consommateurs ne ha testate otto – sei convettori elettronici e due riscaldatori a stoppino – stabilendo che “Se queste stufe sono generalmente efficienti, hanno un grosso inconveniente: emettono sostanze inquinanti.” Sono stati misurati i gas di combustione, le sostanze volatili potenzialmente pericolose, i composti organici volatili totali (TVOC) e le particelle fini. La buona notizia è che le stufe testate generano poco monossido di carbonio (CO) o ossidi di azoto (NOx). D’altra parte, le emissioni di anidride carbonica (CO2) non sono soddisfacenti. E il problema riguarda tutti i dispostivi, generando una concentrazione di circa 5.000 parti per milione (ppm), ben al di sopra dei valori limite regolamentari, che variano tra 1000 e 1500 ppm.

Le bocciate

“Questo da solo giustifica evitare l’uso di questo tipo di dispositivo nelle case” afferma 60 millions, che continua “Per quanto riguarda i livelli di formaldeide e COV Inoltre, le due stufe a stoppino che abbiamo testato emettono troppa formaldeide, un gas classificato come cancerogeno dimostrato nell’uomo. Abbiamo trovato livelli di 44 e 55 μg / m3, superiori al limite di 30 μg / m3 raccomandato dall’Agenzia per la sicurezza sanitaria (Anses)”. Infine, il test mostra preoccupanti emissioni di composti organici volatili totali (TVOC), che caratterizzano l’inquinamento atmosferico globale. Complessivamente sono state bocciate la stufa Wikao Zenith smart e la OneConcept Phantasma tower, entrambe a etanolo. Di fronte a questi risultati, l’Istituto Nazionale dei Consumi (INC, editore di 60 Milioni) raccomanda di “evitare l’uso di questi riscaldatori ausiliari” e chiede un’evoluzione della normativa “visti i rischi significativi per il salute degli utenti “. Una lettera di allerta in tal senso è stata inviata alle autorità pubbliche.