Lo studio: inserire l’avocado nella dieta quotidiana migliora la salute dell’intestino

Che sia uno dei superfood emergenti degli ultimi anni è cosa ormai assodata. Sempre più ricette alla moda includono l’avocado. Ora, una ricerca dell’università dell’Illinois, spiega che mangiarlo come parte di una dieta quotidiana può aiutare a migliorare la salute dell’intestino aumentando l’abbondanza e la diversità dei microbi all’interno. Ai cosiddetti superfood, il Salvagente ha dedicato il servizio e il test di copertina del numero di gennaio 2021.

I benefici per il microbiota

I superfood sono cibi che promettono benessere e qualità nutrizionali. Ma funzionano davvero? Il Salvagente lo rivela nel servizio e il test di copertina del numero di gennaio 2021, acquistabile qui

Tornando allo studio, va premesso che il finanziamento è stato fornito dall‘Hass Avocado Board e dall’Usda National Institute of Food and Agriculture.  Secondo la ricerca, riportata da FoodNavigator, gli avocado sono ricchi di grassi monoinsaturi “sani per il cuore” e di fibre alimentari che svolgono un ruolo importante nel sostenere la salute dell’intestino e del microbiota. “Non possiamo abbattere le fibre alimentari, ma alcuni microbi intestinali sì. Quando consumiamo fibre alimentari, è una vittoria per i microbi intestinali e per noi”, ha detto Hannah Holscher, assistente professore di nutrizione presso il Dipartimento di Scienze Alimentari e nutrizione presso l’Ui e autore senior dello studio.

Giù il colesterolo

Sharon Thompson, dottoranda della Divisione di scienze della nutrizione all’UI e autore principale dell’articolo, pubblicato nel Journal of Nutrition, spiega come ricerche passate abbiano dimostrato un legame tra il consumo regolare di avocado e la sazietà, nonché la riduzione del colesterolo nel sangue, ma molto meno si sa su come gli avocado possano influenzare i microbi intestinali che scompongono le fibre. “Lo scopo di questo studio era di esplorare gli effetti del consumo di avocado sul microbiota gastrointestinale”, ha detto Holscher.

Metodi e risultati dello studio

Lo studio ha incluso 163 adulti tra i 25 ei 45 anni di età che erano in sovrappeso o obesi – definito come un BMI di almeno 25 – ma per il resto sani. I partecipanti allo studio hanno ricevuto un pasto al giorno da consumare in sostituzione di colazione, pranzo o cena. Un gruppo ha consumato un avocado ad ogni pasto, mentre il gruppo di controllo ha consumato un pasto simile ma senza l’avocado. I partecipanti hanno fornito campioni di sangue, urina e feci durante lo studio di 12 settimane. Hanno anche riferito la quantità di pasti forniti che hanno consumato e ogni quattro settimane hanno registrato tutto ciò che hanno mangiato. Ai partecipanti non è stato consigliato di limitare o modificare qualsiasi altra cosa mangiata durante il periodo di 12 settimane, hanno osservato i ricercatori. I ricercatori hanno scoperto che il consumo quotidiano di avocado ha determinato un aumento dei livelli di acetato fecale (il prodotto di fermentazione microbica più diffuso), livelli arricchiti di Faecalibacterium, Lachnospira e Alistipes (i batteri capaci di fermentazione delle fibre) e un aumento delle concentrazioni di metaboliti derivati ​​microbicamente nel campioni fecali del gruppo avocado.

I cambiamenti registrati dopo 3 mesi

“L’assunzione di avocado Hass fresco per un periodo di 12 settimane ha determinato cambiamenti nel microbiota fecale e aumento delle concentrazioni di metaboliti di derivazione microbica tra gli adulti con sovrappeso e obesità. Il pool di acidi biliari fecali era diminuito e sono state osservate relazioni tra batteri fecali e biomarcatori metabolici. Questi risultati forniscono preziose informazioni sull’impatto dell’assunzione di avocado sul microbiota intestinale e hanno importanti implicazioni per gli interventi dietetici condotti tra la crescente popolazione a rischio di adulti con sovrappeso o obesità “, sostiene lo studio. Va detto che connessi all’avocado ci sono temi relativi alla sostenibilità ambientale di un frutto che richiede molte risorse per essere coltivato. Fortunatamente, vista la variazione del clima, almeno dal punto di vista dell’inquinamento legato ai trasporti, le sempre più diffuse coltivazioni nel Sud Italia, ne possono ridurre l’impronta ecologica.