Lo studio: l’inquinamento da luce artificiale crea enormi danni all’ecosistema

La luce artificiale va trattata come altre forme di inquinamento perché ha un impatto preoccupante sull’equilibrio ambientale di flora e fauna.  A dirlo è un team di biologi dell’Università di Exeter, secondo cui l’illuminazione umana del pianeta, che cresce di portata e intensità di circa il 2% all’anno, può essere paragonata al cambiamento climatico. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Ecology and Evolution, parla di “livelli ormonali, cicli riproduttivi, modelli di attività e vulnerabilità ai predatori” influenzati per una ampia gamma di specie animali.

I danni alle specie animali

“Dalla ridotta impollinazione da parte di insetti e alberi che germogliano all’inizio della primavera – scrive il Guardian che riporta la notizia – agli uccelli marini che volano contro i fari e alle tartarughe marine che vagano erroneamente nell’entroterra verso hotel illuminati in cerca del sole dell’alba” lo studio mette insieme i risultati di 126 ricerche precedenti. In tutte le specie animali esaminate, sono state riscontrati livelli ridotti di melatonina – un ormone che regola i cicli del sonno – a causa della luce artificiale durante la notte. Anche i modelli comportamentali erano disturbati sia nelle specie notturne che diurne. I roditori, che principalmente si nutrono di notte, erano stati attivi per un periodo più breve, mentre gli uccelli hanno iniziato a cantare e cercare i vermi nelle prime ore della giornata.

Solo in alcuni casi gli effetti dell’illuminazione eccessiva di notte ha creato benefici per le specie: alcune piante sono cresciute più velocemente e alcuni tipi di pipistrelli hanno prolificato di più. Ma l’effetto complessivo è stato disastroso, in particolare per gli insetti attratti dai lampioni o dalle lampade per auto in rapido movimento. Kevin Gaston, professore presso l’Istituto per l’ambiente e la sostenibilità dell’università, ha dichiarato al Guardian, “Ciò che spicca è la pervasività degli effetti. Gli effetti sono stati trovati ovunque: microbi, invertebrati, animali e piante. Dobbiamo iniziare a pensare all’illuminazione nel modo in cui pensiamo ad altre grandi pressioni sistemiche come il cambiamento climatico”.

Il ruolo dei led

Secondo il Guardian, le immagini satellitari della Terra di notte mostrano quanto rapidamente il problema si stia espandendo geograficamente, ma l’intensità delle luci aumenta anche perché le costose lampadine color ambra morbida vengono sostituite da un numero maggiore di led bianchi luminosi, economici e più ecologici. Questo è biologicamente problematico perché la luce bianca ha uno spettro più ampio, come la luce solare.

L’invito ad agire

Gaston ha esortato i governi, le aziende e gli individui ad agire: “Al momento, abbiamo la convinzione che l’illuminazione sia qualcosa che buttiamo fuori e non ci pensiamo molto. Ma dobbiamo pensare in termini di utilizzo solo quando ne abbiamo bisogno, dove ne abbiamo bisogno e come ne abbiamo bisogno”, ha detto. “È un altro inquinante”. Tanto più che a differenza della crisi climatica, risolvere il problema dell’illuminazione farebbe risparmiare piuttosto che costare denaro.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente