Mars annuncia filiera palma senza deforestazione. I dubbi di Greenpeace

Mars annuncia di aver messo in piedi una catena di fornitura di olio di palma priva di deforestazione, ma Greenpeace interviene mostrandosi molto critica. A riportare la notizia è FoodNavigator, secondo cui a poco più di un anno dal lancio del suo piano Palm Positive, il gigante afferma di aver risolto il problema: “Per anni le aziende si sono confrontate con filiere di palma complesse e opache. Ora è chiaro che questo non è stato sufficiente per garantire l’assenza di deforestazione o problemi di diritti umani “, ha affermato Barry Parkin, Chief Procurement and Sustainability Officer di Mars. “Semplificando radicalmente la nostra catena di fornitura della palma, collaborando con una coorte più piccola di fornitori e applicando rigorosamente mappatura, gestione e monitoraggio, possiamo eliminare la deforestazione e promuovere il rispetto dei diritti umani”. Mars ha citato come esempio la sua catena di approvvigionamento per le sue attività nell’area Asia-Pacifico. Per queste operazioni, la società si rifornisce di olio di palma da UniFuji, una partnership tra United Plantations e Fuji Oil.

Greenpeace: “Semplificare le catene non è la risposta”

Greenpeace, tuttavia, ha sollevato preoccupazioni sull’approccio di Mars all’eliminazione della deforestazione: “la semplificazione delle catene di approvvigionamento per i clienti globali non ripulirà il commercio di materie prime. È come cercare di riparare un rubinetto che perde in un edificio in fiamme”, ha detto Diana Ruiz, attivista forestale statunitense di Greenpeace. Piuttosto, scrive FoodNavigator riportando la posizione di Greenpeace, le aziende devono esigere la completa trasparenza dai loro fornitori come condizione per il commercio, e procurarsi i prodotti solo da fornitori che dimostrano che sono puliti. Ciò significa ridurre i volumi acquistati. “Affinché le aziende globali possano davvero affrontare il crollo ecologico e climatico, devono ridurre drasticamente il consumo complessivo di materie prime legate al cambiamento dell’uso del suolo, come olio di palma, carne e soia, e la transizione verso un sistema alimentare giusto che metta le persone e la natura al primo posto”, conclude l’associazione ambientalista.