Latte contaminato, Danone respinge le accuse: “I nostri prodotti sono sicuri”

danone

Danone ha pubblicamente respinto l’affermazione di Foodwatch secondo cui il suo prodotto per la crescita senza lattosio della Gallia Galliagest (da 12 mesi a 3 anni) contiene residui di idrocarburi aromatici con olio minerale (Moah). Gli idrocarburi aromatici altamente alchilati possono includere alcuni composti potenzialmente cancerogeni ma, ad oggi, a livello normativo, non sono stati definiti livelli di assunzione tollerabili per Moah.

In una dichiarazione pubblicata nei giorni scorsi, Danone ha rassicurato i genitori sul fatto che tutti i suoi prodotti per la nutrizione infantile possono essere consumati in sicurezza, sottolineando che “contesta fortemente” l’accusa.

“Abbiamo effettuato analisi approfondite [indipendenti], che non hanno dimostrato la presenza di olio minerale nei nostri prodotti per l’alimentazione infantile”, ha osservato l’azienda.

La vicenda è iniziata nell’ottobre 2019, quando l’associazione ha lanciato una petizione contro le major del cibo, Danone e Nestlé. Dopo aver effettuato test di laboratorio, Foodwatch ha affermato di aver riscontrato contaminazioni Moah nei prodotti per l’infanzia in polvere dei marchi venduti in Francia. In particolare, l’attenzione dell’associazione si è concentrata sul Danone Gallia Galliagest senza lattosio (da 12 mesi a 3 anni) e sul latte in polvere Nestlé Nidal di 1° età (da 0 a 6 mesi). Foodwatch ha inoltre affermato che i prodotti Neolac, Hero Baby e Nutrilon, commercializzati in Germania e nei Paesi Bassi, ne sono stati colpiti.

“Queste sostanze, invisibili a occhio nudo, sono potenzialmente cancerogene, mutagene ed endocrine”, ha osservato Foodwatch lo scorso ottobre. “È un problema di salute pubica. Non c’è spazio per l’incertezza e l’inazione.”

IN quell’occasione Foodwatch ha invitato i consumatori a firmare una campagna per petizioni per Nestlé e Danone per richiamare immediatamente i prodotti interessati. Ora, a distanza di otto mesi, l’associazione attira nuovamente l’attenzione sulla questione e implora i consumatori di firmare la petizione. Ad oggi hanno risposto circa 64.000 firmatari.

Avendo sentito “molto rumore” a Bruxelles, ma “silenzio assordante” dalle autorità francesi – oltre che da Danone e Nestlé – il cane da guardia ha scritto a 109 rappresentanti statali chiedendo di ritirare dal mercato prodotti potenzialmente contaminati con Moah.

La posizione di Danone rimane ferma: “La sicurezza dei nostri prodotti è la nostra massima priorità. Abbiamo implementato rigorosi programmi di controllo di qualità, in particolare per prevenire i residui MOAH nei nostri prodotti in tutte le fasi del nostro processo di produzione. ”

Tutti i suoi prodotti per l’alimentazione infantile sono sottoposti a oltre 600 controlli di qualità e sicurezza prima di essere commercializzati, ha continuato l’azienda. “Chiediamo anche lo stesso rigore in termini di qualità e sicurezza dai nostri fornitori.”