Zoom ammette di aver cancellato profili di attivisti su richiesta della Cina

zoom

“Zoom ha ammesso di aver sospeso i profili di attivisti per i diritti umani per volere del governo cinese e ha suggerito che bloccherà qualsiasi altro profilo di cui Pechino si lamenterà ritenendolo illegale”. Comincia così l’articolo del Guardian che accusa la piattaforma di videoconferenze di essere complice nel silenziamento dei militanti per i diritti umani voluto dalla Cina.

Bloccati gli incontri su Tiananmen e su Hong Kong

Pochi giorni fa, la piattaforma di videoconferenza è stata accusata di aver interrotto o chiuso i conti di tre attivisti che hanno tenuto eventi online relativi all’anniversario del massacro di Piazza Tiananmen o hanno discusso della crisi di Hong Kong. A nessuno è stata data una spiegazione da Zoom. In seguito alle notizie dei media, giovedì Zoom ha affermato di essere stato contattato dal governo cinese a maggio e all’inizio di giugno su quattro incontri Zoom per commemorare il massacro di Piazza Tiananmen che veniva pubblicizzato sui social media.  “Il governo cinese ci ha informato che questa attività è illegale in Cina e ha chiesto a Zoom di terminare le riunioni e ospitare gli account”, ha affermato Zoom. “Non abbiamo fornito alcuna informazione dell’utente o contenuto della riunione al governo cinese. Non abbiamo una backdoor che permetta a qualcuno di entrare in una riunione senza essere visibile” ha aggiunto.

La linea “doppia” di Zoom

A differenza di molte piattaforme di social media occidentali, come Facebook, Zoom non è stata bloccata in Cina. “La compagnia non ha spiegato in base a quale legge gli incontri – che sono stati ospitati al di fuori della Cina continentale – sono stati considerati illegali” spiega il Guardian. Zoom ha affermato di non essere in grado di bloccare partecipanti provenienti da determinati paesi e quindi ha chiuso tre delle riunioni e sospeso o chiuso gli account host associati. Zoom ha affermato di non aver intrapreso alcuna azione per un incontro perché i metadati hanno mostrato che non aveva partecipanti dalla Cina continentale, tuttavia due degli altri avevano un “numero significativo di partecipanti alla Cina continentale”. E questo perché probabilmente gli incontri online erano stati fissati proprio per discutere delle condizioni dei diritti umani in Cina.

Zittiti anche gli account di attivisti che vivono negli Usa

La società ha chiuso i profili di utenti di Zoom con sede negli Stati Uniti e a Hong Kong. l’account di Zhou Fengsuo, un attivista cinese con sede negli Stati Uniti, è stato chiuso pochi giorni dopo aver ospitato un memoriale per la repressione di Tiananmen. Lee Cheuk-Yan, un attivista per la democrazia a Hong Kong che organizza una veglia annuale di Tiananmen, ha visto chiudere il suo account poco prima di ospitare un evento su una controversa legge sull’estradizione che ha causato proteste anti-governative in città negli ultimi mesi. Lee ha affermato: “Hanno ripristinato il mio account ma Zoom continua a inginocchiarsi davanti al partito comunista”. Wang Dan è un altro attivista il cui evento Zoom il 3 giugno per commemorare l’anniversario del giro di vite di Tiananmen del 4 giugno è stato chiuso due volte. Poiché Zoom non è bloccato in Cina, è stato utilizzato da alcuni attivisti che vogliono raggiungere quelli sulla terraferma. Gli eventi di Wang e Lee sono stati entrambi ospitati al di fuori della Cina continentale.

Le critiche da tutto il mondo

Il Guardian scrive: “Zoom ha affermato che non consentirà più alle richieste di Pechino di avere un impatto su chiunque al di fuori della Cina continentale, tuttavia sta sviluppando modi per bloccare le persone all’interno del paese. La nuova misura, ha affermato, “ci consentirà di soddisfare le richieste delle autorità locali quando determinano che l’attività sulla nostra piattaforma è illegale all’interno dei loro confini”, “Tuttavia saremo anche in grado di proteggere queste conversazioni per i partecipanti al di fuori di quei confini in cui l’attività è consentita”.” Hua Chunying, portavoce del ministero degli affari esteri cinese, ha dichiarato ai giornalisti in una conferenza stampa periodica che non era a conoscenza dei dettagli del caso. I rappresentanti statunitensi Greg Walden e Cathy McMorris Rodgers hanno inviato una lettera al CEO di Zoom Eric Yuan chiedendogli di chiarire le pratiche della sua azienda. Yaqiu Wang, ricercatrice cinese di Human Rights Watch ha dichiarato: “Le leggi in Cina sono spesso offensive e non conformi agli standard internazionali sui diritti umani. Tuttavia, le aziende tecnologiche hanno la responsabilità di rispettare i diritti umani “.