Covid-19, i purificatori d’aria domestici in alcuni casi possono ridurre il rischio contagio

I purificatori domestici d’aria possono essere d’aiuto anche contro le particelle cariche di coronavirus? Se così fosse in caso di convivenza forzata con un contagiato o ad esempio per chi deve andare a lavoro in ufficio, potrebbero essere utili. La domanda se l’è posta Consumer Reports (Cr), girandola ad alcuni esperti statunitensi, che hanno convenuto su una cosa: mentre i depuratori d’aria probabilmente non offrono molta protezione nella maggior parte dei casi, possono valerne la pena in alcuni casi specifici.

Aprire le finestre, un aiuto non sempre possibile

Cr fa una premessa: “Anche se vivi con un operatore sanitario o qualcuno malato di Covid-19, prima di correre a comprare un depuratore d’aria, i nostri esperti affermano che aprire semplicemente le finestre di casa per far entrare aria fresca aiuterà a diluire i contaminanti interni— comprese le particelle di virus”. Se l’aerazione della stanza non è un’opzione, puoi provare a utilizzare un purificatore ad aria ad alta efficienza (HEPA). “Non abbiamo ancora prove dirette che la filtrazione funzioni per ridurre la trasmissione del nuovo coronavirus”, afferma Jeffrey Siegel, un esperto di qualità dell’aria interna e professore di ingegneria civile all’Università di Toronto che ha studiato depuratori d’aria portatili con varie particelle sospese nell’aria . “Ma possiamo dedurre da ciò che sappiamo per virus simili, come la Sars”, afferma, “che c’è motivo di pensare che i depuratori d’aria possano aiutare in alcune situazioni.

Le informazioni scientifiche disponibili

Nel 2003, scrive Cr, durante l’epidemia di Sars, l’autorità ospedaliera di Hong Kong ha raccomandato agli ospedali di utilizzare depuratori d’aria portatili con filtri Hepa per contribuire a ridurre la trasmissione agli operatori sanitari se i reparti di isolamento non fossero disponibili. Negli Stati Uniti, le autorità sanitarie (Cdc) hanno anche raccomandato l’uso di purificatori Hepa per aiutare a ridurre le concentrazioni virali del virus SARS nell’aria quando non erano disponibili sale ospedaliere adeguatamente ventilate. E una recente ricerca pubblicata sul Journal of Infectious Diseases e in corso di revisione presso BMC Infectious Diseases suggerisce che la filtrazione dell’aria può ridurre il rischio di trasmissione del morbillo e dell’influenza. “In teoria, se un purificatore d’aria rimuove i virus dall’aria, riduce le concentrazioni nella stanza e quindi riduce il potenziale di esposizione”, afferma Linsey Marr, ingegnere ambientale e professore della Virginia Tech specializzato nella trasmissione di malattie aerotrasportate, qualità dell’aria e nanotecnologia. “Quindi c’è una ragione meccanicistica per pensare che i depuratori d’aria potrebbero aiutare a ridurre la trasmissione.”

Come un purificatore potrebbe catturare il coronavirus

Secondo Consumer Reports, dunque, i filtri hepa sono molto efficaci. Vediamo perché. Sono certificati per catturare il 99,97 percento di particelle con un diametro esatto di 0,3 micron. E sono anche più efficienti nel  catturare particelle più grandi o più piccole di così, dice Marr, compresi i virus. Il nuovo coronavirus stesso è di 0,125 micron, ma Marr afferma che le goccioline in cui viaggia, quando le persone tossiscono, parlano o respirano, inizialmente sono più grandi, circa 1 micron. È una dimensione facilmente rilevabile dai filtri Hepa.

Come sceglierlo

James Dickerson, Chief Science Officer di CR è d’accordo ma avverte: “I filtri Hepa sono molto efficienti nel catturare particelle di dimensioni coronavirus, ma le particelle devono prima viaggiare fisicamente verso il filtro”. Un depuratore d’aria deve essere in grado di aspirare costantemente aria sufficiente per ridurre la quantità di particelle virali nell’aria. Più velocemente un purificatore d’aria può far circolare l’aria attraverso il filtro, maggiori sono le possibilità di catturare particelle di virus. È possibile vedere quanto velocemente un purificatore d’aria pulisce l’aria circostante cercando il suo numero CADR (tasso di erogazione dell’aria pulita) sulla confezione. Questo numero indica il volume di aria pulita che un depuratore d’aria produce alla sua massima velocità. Nell’imballaggio deve essere indicato fino a che diametro di particelle riesce a filtrare.

Come utilizzarlo

“Sulla base dei test di laboratorio CR sui purificatori d’aria, consigliamo di cercare un modello con un CADR superiore a 240, in grado di eseguire circa cinque scambi d’aria all’ora nella dimensione della stanza consigliata. Nei nostri test, questi depuratori d’aria funzionano bene per rimuovere rapidamente particelle di ogni dimensione dall’aria” scrive Consumer Reports. Purtroppo, persino i depuratori d’aria più efficienti non possono impedire l’atterraggio di alcune goccioline sulle superfici, dove possono vivere per ore o addirittura giorni secondo le prime ricerche del National Institutes of Health. Quindi la regola di pulire le superfici e lavarsi le mani spesso è sempre valida.

Come utilizzarlo quando un convivente è malato

Jeffrey Siegel suggerisce di posizionare l’unità a un metro dalla persona malata di Covid-19: “Sappiamo che il contatto ravvicinato è una via di trasmissione principale, quindi preferirei che le persone avessero un depuratore d’aria a bassa velocità vicino al paziente piuttosto che più lontano a velocità super elevata”. Sempre Siegel consiglia di tenerlo in funzione 24 ore al giorno sull’impostazione più alta che non disturba il sonno del malato. Inoltre, bisogna tenere il purificatore d’aria separato da qualsiasi cosa possa ostruire il flusso d’aria, come tende o mobili, e tenere chiusa la porta della stanza.

Pulizia e manutenzione

Se usato correttamente, il filtro può potenzialmente intercettare particelle virali fluttuanti prima che raggiungano la persona che si occupa del malato nella stessa stanza, afferma Siegel. Naturalmente, maneggiare il purificatore e cambiarne il filtro sono due operazioni da eseguire con guanti e mascherina chirurgica, e non a mani nude. Il filtro rimosso va smaltito in un sacchetto sigillato.

Attenzione agli spot miracolosi

Cr avverte anche di stare attenti a chi promette miracoli: “Fai attenzione se vedi prodotti che sostengono che possono prevenire completamente Covid-19 o distruggere il coronavirus”. “Alcuni depuratori d’aria sostengono di uccidere i virus utilizzando la luce UV o una sorta di tecnologia di fotocatalisi”, afferma John Galeotafiore, direttore dei test presso CR. “Suggeriamo ai consumatori di accettare queste affermazioni con un pizzico di sale perché non ci sono ancora prove concrete sufficienti che dimostrino che funzionano in questi contesti”.