I medici di Bergamo ai colleghi stranieri: “Evitate gli errori fatti in Lombardia”

A un mese dall’insorgere dell’emergenza coronavirus in Italia e nel pieno dei giorni più difficili per gli ospedali lombardi, un gruppo di dottori che lavorano all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, epicentro dei decessi e dei contagi più numerosi, scrivono una lettera aperta pubblicata sulla rivista scientifica New England Journal of Medicine, per raccontare la drammaticità del momento, e soprattutto per mettere in guardia dagli sbagli fatti finora in lombardia. “Sono necessarie soluzioni pandemiche per l’intera popolazione, non solo per gli ospedali” scrivono i medici di Bergamo, invocando un tipo di modello emergenziale che porti l’aiuto ai contagiati il più possibile fuori dalle strutture ospedialiere per evitare di trasformarle in focolai, come purtroppo è successo. La lettera è molto chiara e dettagliata, per tanto pensiamo sia un’occasione importante di comprensione riportarla di seguito per intero.
Lavoriamo presso l’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, una nuovissima struttura all’avanguardia con 48 letti per terapia intensiva. Nonostante sia una città relativamente piccola, questo è l’epicentro dell’epidemia italiana, che elenca 4.305 casi in questo momento – più di Milano o di qualsiasi altra parte del paese. La Lombardia è una delle regioni più ricche e densamente popolate d’Europa ed è ora la più gravemente colpita. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha segnalato 74.346 casi confermati in laboratorio in Europa il 18 marzo, di cui 35.713 in Italia.

Il nostro ospedale è altamente contaminato e siamo ben oltre il punto di non ritorno: 300 letti su 900 sono occupati da pazienti Covid-19. Il 70% dei letti di terapia intensiva nel nostro ospedale è riservato a pazienti affetti da Covid-19 in condizioni critiche che hanno ragionevoli possibilità di sopravvivere. La situazione qui è triste in quanto operiamo ben al di sotto del nostro normale standard di assistenza. I tempi di attesa per un letto di terapia intensiva sono di ore. I pazienti più anziani non vengono rianimati e muoiono da soli senza adeguate cure palliative, mentre la famiglia viene informata telefonicamente, senza alcun contatto precedente, spesso da un medico ben intenzionato, ma esausto ed emotivamente svuotato.

Ma la situazione nell’area circostante è ancora peggiore. La maggior parte degli ospedali è sovraffollata e si avvicina al collasso mentre non sono disponibili farmaci, ventilatori meccanici, ossigeno e dispositivi di protezione individuale. I pazienti giacciono su materassi a terra. Il sistema sanitario fa fatica a fornire servizi regolari – anche la gravidanza e l’ostetricia – mentre i cimiteri sono sopraffatti, il che creerà un altro problema di salute pubblica. Negli ospedali, gli operatori sanitari e il personale ausiliario sono soli, e cercano di mantenere operativo il sistema. Fuori dagli ospedali, le comunità vengono trascurate, i programmi di vaccinazione sono in stand-by e la situazione nelle carceri sta diventando esplosiva senza alcun distanziamento sociale. Siamo in quarantena dal 10 marzo. Sfortunatamente, il mondo esterno sembra inconsapevole del fatto che a Bergamo questo focolaio sia fuori controllo.

I sistemi sanitari occidentali sono stati costruiti attorno al concetto di assistenza centrata sul paziente, ma un’epidemia richiede un cambiamento di prospettiva verso un concetto di assistenza centrata sulla comunità. Ciò che stiamo apprendendo dolorosamente è che abbiamo bisogno di esperti in sanità pubblica ed epidemie, ma ciò non è stato messo al centro dai decisori a livello nazionale, regionale e ospedaliero. Ci manca la competenza sulle condizioni epidemiche che ci guidi ad adottare misure speciali per ridurre i comportamenti epidemiologicamente negativi.

Ad esempio, stiamo imparando che gli ospedali potrebbero essere i principali vettori di Covid-19, poiché vengono rapidamente popolati da pazienti infetti, facilitando la trasmissione a pazienti non infetti. I pazienti vengono trasportati dal nostro sistema regionale, che contribuisce anche a diffondere la malattia con le sue ambulanze e il personale che diventano rapidamente vettori. Gli operatori sanitari sono portatori asintomatici o malati senza sorveglianza; alcuni potrebbero morire, compresi i giovani, il che aumenta lo stress di quelli in prima linea.

Questo disastro potrebbe essere evitato solo da un massiccio dispiegamento di servizi per la comunità. Sono necessarie soluzioni pandemiche per l’intera popolazione, non solo per gli ospedali. Le cure a domicilio e le cliniche mobili evitano movimenti inutili e allontanano la pressione dagli ospedali. L’ossigenoterapia precoce, gli ossimetri da polso e la fornitura di cibo possono essere erogati nelle case dei pazienti leggermente malati e convalescenti, istituendo un ampio sistema di sorveglianza con adeguato isolamento e sfruttando innovativi strumenti di telemedicina. Questo approccio limiterebbe il ricovero in ospedale a un numero mirato di malati gravi, riducendo così il contagio, proteggendo i pazienti e gli operatori sanitari e minimizzando il consumo di dispositivi di protezione. Negli ospedali, la protezione del personale medico dovrebbe essere prioritaria. Nessun compromesso dovrebbe essere fatto sui protocolli; l’attrezzatura deve essere disponibile. Le misure per prevenire l’infezione devono essere attuate in modo massiccio, in tutti i luoghi, veicoli inclusi. Abbiamo bisogno di padiglioni e operatori ospedalieri Covid-19 dedicati, separati da aree libere dal virus.

Questo focolaio è più che un fenomeno di terapia intensiva, piuttosto è una crisi di salute pubblica e umanitaria. Richiede scienziati sociali, epidemiologi, esperti di logistica, psicologi e assistenti sociali. Abbiamo urgentemente bisogno di agenzie umanitarie che riconoscano l’importanza dell’impegno locale. L’Oms ha espresso profonda preoccupazione per la diffusione e la gravità della pandemia e per i livelli allarmanti di inazione. Tuttavia, sono necessarie misure audaci per rallentare l’infezione. Il blocco è fondamentale: il distanziamento sociale ha ridotto la trasmissione di circa il 60% in Cina. Ma si verificherà probabilmente un ulteriore picco quando le misure restrittive saranno allentate per evitare un grave impatto economico. Abbiamo fortemente bisogno di un punto di riferimento condiviso per comprendere e combattere questo focolaio. Abbiamo bisogno di un piano a lungo termine per la prossima pandemia.

Il coronavirus è l’Ebola dei ricchi e richiede uno sforzo transnazionale coordinato. Non è particolarmente letale, ma è molto contagioso. Più la società è medicalizzata e centralizzata, più il virus è diffuso. Questa catastrofe che si sta svolgendo nella ricca Lombardia potrebbe avvenire ovunque.

Gli autori sono Mirco Nacoti, Andrea Ciocca, Angelo Giupponi, Pietro Brambillasca, Federico Lussana, Michele Pisano, Giuseppe Goisis, Daniele Bonacina, Francesco Fazzi, Richard Naspro, Luca Longhi, Maurizio Cereda e Carlo Montaguti.