Cassazione: la responsabilità del dottore vale anche se l’errore fa ritardare la guarigione

L’errore medico non deve per forza portare a una lesione o a danni gravi alla salute del paziente affinché il medico sia tenuto a risarcire la vittima e assumersi la responsabilità del danneggiamento. Basta anche soltanto un ritardo nella guarigione. A dirlo è una sentenza della Corte di Cassazione, la 5315/2020, che si è pronunciata sulla vicenda di tre sanitari, due ortopedici e un radiologo, accusati, come riporta il quotidianosanita.it, “di non avere diagnosticato al paziente l’esistenza di una frattura del corpo vertebrale L1, omettendo, di conseguenza, di mettere in atto gli accertamenti per assicurargli la guarigione, determinando l’aggravamento delle sue condizioni e il ritardo nell’individuazione della giusta terapia”. La Corte ha confermati l’assoluzione stabilita dalla Corte di Appello dal reato di lesioni personali colpose, perché i “lievi esiti” peggiorativi ascrivibili alla frattura lombare derivata dall’evento traumatico sono “indipendenti dall’inadeguato trattamento”.

Eppure, secondo i giudici ogni condotta colposa “che intervenga sul tempo necessario alla guarigione, pur se non produce” di per sé “un aggravamento della lesione e della relativa  perturbazione  funzionale,  assume  rilievo penale allorquando generi la dilatazione del periodo necessario al raggiungimento della guarigione o della stabilizzazione dello stato di salute”.