Acqua micellare: cos’è e a cosa serve (per davvero)?

L’acqua micellare è una delle soluzioni detergenti preferite dal pubblico femminile e la vendita di questo prodotto segna una costante crescita. Questa fiducia da parte dei consumatori è ben riposta? L’acqua micellare serve per davvero? Di seguito, le risposte alle domande appena poste.

Com’è fatta l’acqua micellare

L’acqua micellare è un detergente per il viso a base acquosa che riesce a rimuovere le tracce di make-up e di sebo in una sola passata. Questi risultati sono possibili grazie alla particolare struttura dell’acqua micellare; essa è composta dalle cosiddette micelle, ossia molecole di tensioattivi che si agglomerano e si riuniscono formando delle piccole sfere. Queste sfere hanno proprietà anfipatiche, ossia sono in grado di attrarre sia le sostanze liposolubili che idrosolubili.

Per questo motivo l’acqua micellare viene impiegata come prodotto per la pulizia del viso in sostituzione della combo fatta da latte detergente più tonico viso. Come mai? Perché rimuove le particelle di sporco, ma non aggredisce la barriera idro-lipidica naturale del viso, per cui risulta essere un prodotto adatto anche alle pelli più sensibili. Questa soluzione detergente ha inoltre il vantaggio di lasciare meno residui rispetto al latte detergente e di non essere aggressivo sulla pelle come può succedere con il tonico.

L’acqua micellare è uno struccante che non richiede risciacquo dopo l’uso e agisce in modo delicato. In commercio si trovano soluzioni studiate ad hoc per gli occhi sensibili, come l’acqua micellare di Vichy, disponibile su Vichy.it/acqua-micellare. Solitamente gli occhi risultano essere la parte più strapazzata del viso quando lo si strucca, per cui è meglio proteggerli preferendo prodotti dalla carica aggressiva pari a zero.

Come usare l’acqua micellare per struccarsi ed eliminare anche il trucco waterproof

L’acqua micellare va impiegata per la pulizia del viso, pratica che va eseguita sia al mattino che alla sera. Quando si è svegli, la pulizia serve a rimuovere le cellule morte e il sebo in eccesso accumulatosi sul viso nel corso della nottata; mentre alla sera, funge da struccante delicato.

Per poter utilizzare l’acqua micellare basta intingere un batuffolo o un dischetto di cotone con una piccola quantità di prodotto e passarlo sul viso ed esercitare una pressione di poco superiore nella zona T (fronte, naso e mento).

Può essere utilizzata anche per rimuovere il trucco waterproof, come? C’è un segreto per struccarsi delicatamente, vediamo come.

Per struccare la zona perioculare e rimuovere anche il trucco waterproof, basta lasciare in posa per qualche secondo i dischetti imbevuti di acqua micellare sulle palpebre chiuse e poi struccarle compiendo dei movimenti che vanno dall’interno degli occhi verso l’esterno, avendo cura di eliminare ogni residuo di trucco anche dalle ciglia.

Le acque micellari “arricchite”, studiate per ogni tipo di pelle

La popolarità raggiunta dall’acqua micellare ha portato le diverse case cosmetiche a proporre le più disparate soluzioni atte a risolvere i problemi di pelle più ricorrenti. Per chi ha la pelle secca, è consigliabile l’acqua micellare arricchita con vitamine e acido ialuronico (così da idratare e nutrire sia epidermide che derma). Per le pelli sensibili è invece meglio scegliere un prodotto molto delicato, come quello Vichy visto sopra, composto anche da acqua termale naturale (il rischio di provocare allergie o irritazioni è quindi pari a zero). Chi ha la pelle grassa o mista dovrebbe, infine, scegliere prodotti dall’azione purificante così da poter regolare i livelli di sebo.