Bisfenolo A, con nuovo metodo di rilevazione l’esposizione è quasi 20 volte maggiore

Un recente studio che ha misurato con una nuova tecnica la presenza di bisfenolo A in contenitori di vario tipo rivela che le rilevazioni precedenti potrebbero averla ampiamente sottostimato. Il bisfenolo A (Bpa) è un interferente endocrino associato a problemi di fertilità e tumori e ampiamente usato per rendere più dura la plastica, prevenire la corrosione dei metalli e rivestire la carta, per questo è spesso presente in lattine di cibo, nelle attrezzature mediche e nelle bottiglie d’acqua di plastica dura.

Come si misura normalmente la presenza di Bpa

La nuova analisi pubblicata su The Lancet Diabetes & Endocrinology si basa su una tecnica diversa di misurazione. A spiegare la differenza è Consumer Reports, che riporta la notizia: “Quando il tuo corpo è esposto al Bpa, inizia a scomporlo rapidamente. Ciò significa che la maggior parte di ciò che si trova nelle urine umane, che viene spesso utilizzato per monitorare l’esposizione, non è lo stesso Bpa. Invece, ciò che viene trovato sono i metaboliti o quello in cui viene scomposto il Bisfenolo. Fino a poco tempo fa, i ricercatori non potevano misurare direttamente quei metaboliti. L’unico modo in cui potevano determinare i livelli di esposizione nell’uomo era indirettamente, convertendo i metaboliti in Bpa”.

Il nuovo studio

Ma negli ultimi anni, hanno iniziato a emergere nuovi metodi diretti, in modo che “in un colpo solo, si misura il Bpa e i suoi metaboliti”, afferma Roy Gerona, assistente professore presso la School of Medicine presso l’Università della California di San Francisco, che gestisce il laboratorio di tossicologia clinica e di biomonitoraggio ambientale dell’UCSF. Tuttavia, questi metodi non sono ancora stati ampiamente adottati. Gerona, l’autore principale del nuovo documento, ha lavorato per anni su un metodo diretto per misurare i metaboliti del BPA. Nel nuovo studio, lui e i suoi collaboratori hanno usato entrambe le tecniche per analizzare i campioni di urina raccolti da 29 donne in gravidanza, cinque donne non in gravidanza e cinque uomini. Il nuovo metodo diretto ha rilevato livelli di Bpa quasi 19 volte superiori a quelli rilevati utilizzando il metodo indiretto. E sembrava che maggiore fosse la concentrazione di Bpa, più il metodo indiretto lo sottovalutasse.

Dati da verificare ad ampia scala

Jonathan Martin, professore nel dipartimento di scienze ambientali e chimica analitica dell’Università di Stoccolma, che non ha partecipato al nuovo studio, commenta su Consumer Reports: “Se le conclusioni sono vere e possono essere generalizzate ad altre popolazioni, le comunità di ricerca e di regolamentazione di tutto il mondo hanno sistematicamente sottovalutato i rischi per la salute posti dal Bpa, forse con un margine piuttosto ampio”. Adesso i risultati pubblicati dal nuovo studio devono essere verificati su un campione più ampio.