Barrette iperproteiche, il report islandese: “Non molto sane e spesso inutili”

I prodotti ad alto contenuto proteico, in particolare le barrette, non sono sani come pensano i consumatori, e inoltre non ci sono prove conclusive che suggeriscano che il consumo di proteine ​​al di sopra dei livelli di assunzione raccomandati fornisca agli individui sani ulteriori benefici per la salute. A dirlo è un rapporto di Safefood, l’ente pubblico irlandese per la sensibilizzazione sulla sicurezza alimentare e sui problemi nutrizionali.  Come riporta FoodNavigator, la ricerca ha anche scoperto che oltre 1 persona su 3 (37%) intervistata ritiene che le barrette proteiche siano “salutari”. Tuttavia, nel confrontare le attuali assunzioni proteiche tra gli adulti e ciò che è raccomandato, sia gli uomini che le donne stanno già consumando più proteine ​​di quelle di cui hanno bisogno dalla loro dieta, ha affermato il rapporto. Il rapporto ha rivelato che il cioccolato è l’ingrediente principale in quasi il 40% delle barrette proteiche che ha esaminato, molte delle quali sono ricche di grassi saturi e con aggiunta di zucchero e sale.

La moda delle diete iperproteiche

Secondo il Global New Products Database di Mintel, c’è stato un aumento del 498% dei prodotti lanciati tra il 2010 e il 2016 con un’affermazione ad alto contenuto proteico. Dato che le persone consumano questi prodotti per motivi di salute e nutrizione, Safefood ha studiato i benefici del consumo di proteine ​​dietetiche extra. La sua ricerca ha esaminato il contenuto nutrizionale di 83 snack e bevande ad alto contenuto proteico disponibili per la vendita nei supermercati dell’isola d’Irlanda. Questi alimenti includevano barrette proteiche, yogurt, prodotti in stile yogurt e bevande al latte. La ricerca si basava anche su un sondaggio su 2mila consumatori sull’isola d’Irlanda condotto nel 2018 da Ipsos MRBI.

“Le persone non hanno bisogno di proteine ​​extra”

La dott.ssa Catherine Conlon, direttore di Human Health & Nutrition di Safefood, ha dichiarato: “Abbiamo assistito a un aumento significativo e coerente del numero e della varietà di alimenti e bevande in vendita che dichiarano di essere ad alto contenuto proteico “. Dalle barrette ai latticini e agli yogurt, i cibi ricchi di proteine ​​sono ormai diventati mainstream nei nostri supermercati. Quando abbiamo chiesto alla gente delle barrette proteiche, un terzo di loro ha ritenuto di essere in buona salute. Tuttavia, molte di queste barrette sono, in realtà, alimenti altamente trasformati con un contenuto calorico simile a quello di una barretta di cioccolato. “Ciò che è anche evidente dai dati dietetici è che uomini e donne stanno già consumando proteine più che sufficienti ​​nella loro dieta e semplicemente non hanno bisogno di questa proteina extra altamente trasformata”.

Grassi e sale

Tuttavia, solo l’aumento del rischio di sarcopenia tra gli adulti più anziani fornisce la prova che alcuni benefici potrebbero essere ottenuti da maggiori assunzioni proteiche in questo gruppo di popolazione, ha osservato il report, aggiungendo che ci sono “prove promettenti di piccoli effetti positivi sulla salute delle ossa per le persone di età superiore ai 50 anni”. Delle 39 barrette proteiche esaminate, il 38% ha elencato il cioccolato come ingrediente principale. Il 77% era ricco di grassi saturi e il 79% era una fonte di sale. La dimensione media delle barre era di 55 g con un prezzo medio di 2,27 euro / 1,78 sebbene alcune barre costino fino a 3,00 euro / 2,49 euro ciascuna.

Come una barretta di cioccolato

“Gli snack trasformati ricchi di proteine ​​devono essere combinati con grassi, zucchero o sale per renderli gustosi”, ha continuato il dott. Conlon. “Le persone starebbero meglio attenendosi alle fonti naturali di proteine ​​nella loro dieta, che tendono ad essere molto più sane. E se hai bisogno di una fonte di proteine ​​come spuntino, alternative come alcune noci, un bicchierino di latte o uno yogurt sono la strada da percorrere invece di questi alimenti con cioccolato aggiunto”. In media, le barre ad alto contenuto proteico sono paragonabili a una piccola barretta di cioccolato standard in termini di calorie, grassi, grassi saturi e contenuto di sale, ha osservato il rapporto. “Il cioccolato è sullo” scaffale più alto “della piramide alimentare. Questi alimenti non sono necessari per una buona salute e non dovrebbero essere consumati ogni giorno ma al massimo una o due volte alla settimana “, concludono gli studiosi