Glifosato, Bayer getta la spugna? “Vogliamo trovare un’alternativa al RoundUp”

Bayer ha annunciato che investirà 5 miliardi di euro nei prossimi dieci anni nello sviluppo di diserbanti alternativi al glifosato. L’annuncio si inserisce nel tentativo di Bayer di riconquistare la fiducia e provare a lasciarsi alle spalle i problemi legati al Roundup, l’erbicida più usato al mondo ereditato con l’acquisizione di Monsanto, a causa del quale è già stata condannata a pagare risarcimenti milionari a tre agricoltori che si sono ammalati di cancro a seguito dell’uso del famigerato diserbante.

Il Roundup è accusato di essere cancerogeno in quanto contiene glifosato, classificato dalla Iarc dell’Oms come probabile cancerogeno per l’uomo.

“Stiamo facendo grandi passi avanti nell’integrare il settore dell’agricoltura che abbiamo acquisito. Stiamo iniziando a mettere in atto una serie di misure per aumentare la trasparenza e la sostenibilità della nostra azienda”, ha affermato Werner Baumann, Ceo di Bayer AG.