Ministero francese: formaggi al latte crudo, non darli sotto i 5 anni d’età

“Lo sapevi? Il latte crudo presenta un rischio significativo per i bambini piccoli “.È l’avviso del ministero dell’Agricoltura e dell’alimentazione francese, pubblicato sul suo sito web, che ha scatenato la reazione della confederazione contadina che denuncia una comunicazione “ansiosa e inappropriata”.

Esposizione maggiore ai batteri

A riportarlo è Que choisir, che cita le parole del capo della missione dell emergenze sanitarie presso il ministero Marie-Pierre Donguy: “I bambini piccoli, in particolare i bambini sotto i 5 anni, non dovrebbero mangiare formaggio a latte crudo o latte crudo. Poi, il rischio esiste ancora ma diminuisce, i bambini sono più protetti oltre i 5 anni “, e raccomanda quindi alle popolazioni fragili – bambini piccoli, donne incinte, anziani o immunodepressi, cioè già malate o molto stanche – di preferire formaggi a latte pastorizzato o termizzato e di evitare tutti i formaggi a latte crudo, ad eccezione della pasta pressata cotta tipo Emmental, Beaufort, gruviera. La ragione, secondo il responsabile del ministero, è la grande esposizione a possibile contaminazione da parte di batteri patogeni: “Infatti, nonostante le precauzioni prese, l’infezione delle mammelle o un incidente durante la mungitura può portare alla contaminazione del latte da parte di batteri patogeni naturalmente presenti nel tubo digerente dei ruminanti (Salmonella, Listeria, Escherichia coli …). Se queste contaminazioni possono avere un piccolo impatto sugli adulti sani, possono, d’altra parte, causare gravi disturbi, o addirittura portare alla morte, per le persone sensibili “, ha spiegato sul sito web del Ministero Agricoltura e alimentazione.

I precedenti

Lo scorso 27 aprile, il ministero dell’Agricoltura ha ordinato il ritiro dei formaggi a latte crudo Saint-Marcellin e Saint-Félicien realizzati dalla società Drôme Fromagerie Alpine e commercializzati con più marchi privati. Questi formaggi sono sospettati di  aver causato una grave contaminazione in 14 bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni, tutti con sindrome emolitica uremica (HUS), una malattia grave che è la principale causa di insufficienza renale tra i piccoli. Secondo una newsletter di Public Health France del 29 maggio, i risultati delle indagini condotte da questa agenzia e dalla direzione generale per l’alimentazione (DGAL) hanno confermato un “possibile collegamento” tra il consumo di questi formaggi e l’insorgenza della malattia.

La rabbia della confederazione contadina

Per la Confederazione contadina, il promemoria delle precauzioni da prendere nei confronti dei bambini del Ministero dell’Agricoltura è la goccia “di latte” che fa traboccare il vaso: “Le prefetture riportano alla lettera questa raccomandazione della Direzione generale dell’alimentazione (DGAL), le cui basi non sono spiegate, e girano le comunicazioni ai municipi, ai ristoranti scolastici e al personale che si occupa di prima infanzia”, il sindacato protesta in una dichiarazione, temendo la “pressione di una politica sanitaria inadatta”, e “messaggi ansiogeni”, che potrebbero portare “ad eliminare i formaggi agricoli a favore del monopolio industriale”.

“I numeri ridimensionano l’allarme”

“Ora, vediamo che anche alcune università non servono più formaggi a latte crudo nelle mense”, ha detto il segretario generale della Confederazione contadina Damien Houdebine. Secondo un recente articolo pubblicato da Santé publique France sulla rivista medica europea Eurosurveillance, spiega Que Choisir, il picco di Hus nei bambini è tra 6 mesi e 3 anni. Dopo 3 anni, l’incidenza è estremamente bassa. “Non diciamo che il rischio è zero. Tuttavia, la proporzione di prodotti a base di latte crudo nell’avvelenamento collettivo alimentare rimane bassa e molto bassa, come indicato dai dati sulla sorveglianza sanitaria “, afferma il sindacato che ha annunciato che chiederà una verifica scientifica per la nota ministeriale.