Più severi della legge, i supermercati danesi contro i pesticidi

Tre catene di supermercati danesi – Coop, Aldi e Lidl – hanno deciso di chiedere ai propri fornitori prodotti con una concentrazione di pesticidi notevolmente inferiore rispetto ai limiti consentiti dalla legge per rispondere alla crescente preoccupazione dei consumatori alla pericolosità di queste sostanze. In particolare,  Lidl richiede un residuo di pesticidi del 66% inferiore a quanto consentito dalla legge, Coop richiede che sia inferiore del 50% e Aldi afferma che deve essere inferiore del 20-30% rispetto ai limiti applicabili. Le tre catene richiedono anche un massimo di cinque diverse sostanze per ciascun prodotto.

La Coop ha anche vietato certi tipi di pesticidi. Il gruppo ha vietato l’uso di 37 sostanze nella coltivazione dei prodotti che vende. Questo elenco riflette i pesticidi che sono vietati per l’uso nell’UE, ma rimangono legali al di fuori del blocco.

“I supermercati svolgono un ruolo importante nel ridurre l’esposizione complessiva dei consumatori ai pesticidi – possono entrare direttamente e fare richieste sugli alimenti che vendono. È sia positivo che necessario che più supermercati vadano oltre quanto richiesto dalla legislazione”, ha detto Anja Philip , presidente dell’associazione dei consumatori Forbrugerrådet Tænk che di recente ha lanciato una campagna nazionale in Danimarca per ridurre il livello di pesticidi nella frutta e nella verdura. In uno studio rappresentativo, Forbrugerrådet Tænk ha rilevato che quattro consumatori su 10 hanno molto a cuore la questione dei pesticidi negli alimenti.

Parlando con FoodNavigator, il capo della responsabilità sociale delle imprese della Coop, Thomas Roland, ha affermato che ci sono “molte ragioni” per cui il supermercato ha deciso di imporre requisiti più severi.

La prima di queste è stata la “lunga tradizione” della Coop di “lavorare seriamente” con il principio di precauzione e la preoccupazione che l’effetto cocktail possa aumentare la quantità di prodotti chimici con cui i consumatori entrano in contatto.