Sicurezza stradale, anche gli pneumatici nel giro di vite del Parlamento Europeo

A metà marzo il Parlamento Europeo ha dato il primo via libera a nuove misure per la riduzione degli incidenti stradali, che potrebbero rendere obbligatori particolari dispositivi di sicurezza nei nuovi modelli di auto: l’attenzione si rivolge anche agli pneumatici, finalmente considerati come elementi fondamentali per la sicurezza stradale.

Gli interventi comunitari per la sicurezza stradale

Il pacchetto degli interventi comunitari prevede, ad esempio, l’adozione di sistemi di adattamento intelligente della velocità, tecnologie anti-distrazione alla guida, dispositivi alcolock (che impedisce l’azionamento dell’auto se il guidatore non supera il test), il registratore di dati sugli incidenti. Ma la tecnologia interessa, come detto, anche le gomme dell’auto, perché potrebbe essere reso obbligatorio anche il monitoraggio della pressione degli pneumatici, con software capaci di stimare i livelli di pressione delle ruote e di segnalare anomalie al guidatore.

Il ruolo degli pneumatici per la sicurezza

Un passo piccolo ma significativo verso il riconoscimento pieno dell’importanza degli pneumatici come dispositivo attivo di sicurezza, obiettivo perseguito anche da Assogomma e Federpneus anche attraverso la campagna pneumaticisottocontrollo, spesso citata anche nei nostri approfondimenti: le gomme sono l’unico punto di contatto tra automobile e strada, sopportano il peso della vettura, assorbono le asperità del fondo stradale e garantiscono la necessaria stabilità in tutte le fasi di guida.

8 miliardi spesi per le gomme

Per questo, sono sottoposti a fortissime sollecitazioni, che espongono gli pneumatici a forte rischio usura e, di conseguenza, sostituzione; secondo Angelo Sticchi Damiani, Presidente dell’Aci, solo in Italia gli automobilisti spendono ogni anno più di 8 miliardi di euro per queste componenti dell’auto, ma “troppo spesso non prestano costante attenzione alla loro corretta manutenzione”, trascurando anche gli effetti per l’economia di esercizio. Il presidente dell’Aci ricorda che “una gomma sgonfia o logora allunga la frenata, diminuisce la stabilità del veicolo e compromette l’efficienza dei sistemi elettronici di bordo come ABS ed ESP, aumentando anche i consumi di carburante, per il quale spendiamo più di 35,5 miliardi di euro ogni anno”.

Trascurare gli pneumatici ha effetti negativi

Non solo sicurezza, dunque: chi sottovaluta il ruolo degli pneumatici compie anche una scelta anti-risparmio, che incide come visto in maniera sostanziosa sul portafogli personale e sul budget familiare. E forse proprio questo è il messaggio su cui puntare per convincere gli automobilisti a cambiare comportamento, informando sulle conseguenze salate che la guida con pneumatici non performanti può avere sulle loro tasche.

Italiani e risparmio, una coppia fissa

Il tema del risparmio è difatti molto sentito e ha già portato alla trasformazione di tanti stili di vita degli italiani, anche nel mondo dei motori, come dimostrano alcune indagini sulla diffusione dell’eCommerce in questo ambito. Ad esempio, secondo i dati di Netcomm il comparto Auto e Ricambi è stato uno dei più dinamici nel corso del 2018, portando il suo valore a 610 milioni di euro con una crescita del 26 per cento rispetto all’anno precedente. Similarmente, una statistica di Idealo rivela che sono quadruplicate in pochi mesi le ricerche dei prezzi delle gomme online, di qualsiasi tipologia.

Le soluzioni dell’eCommerce piacciono agli automobilisti

Gli automobilisti italiani hanno quindi compreso che la variabile sulla quale possono riuscire a risparmiare è l’acquisto di nuovi pneumatici, rivolgendosi agli eCommerce del settore per trovare prodotti di marche premium a prezzi generalmente più convenienti rispetto a quelli disponibili nei negozi tradizionali o dai gommisti. In particolare, il sito https://www.euroimportpneumatici.com/ si segnala come una delle piattaforme di vendita più vantaggiose per quantità di modelli e costi a listino, tanto da fregiarsi dello slogan “pneumatici ai prezzi più bassi d’Italia“, con possibilità di risparmio che si attestano intorno al 30 per cento rispetto alla vendita fisica e al 10 rispetto agli altri competitor online.