“6 mesi”, il film premiato contro gli allevamenti in gabbia in streaming gratis fino al 18 febbraio

Dal 5 al 18 febbraio il cortometraggio M6NTHS (6 MESI), della regista olandese Eline Helena Schellekens, sarà in esclusiva online sui siti delle 140 associazioni che sostengono l’Iniziativa dei Cittadini europei contro le gabbie negli allevamenti, “End the Cage Age”.
Il film, che racconta la vita di un maialino che cresce in un allevamento intensivo, ha vinto il Panda Award, il più prestigioso riconoscimento per i film sulla natura.

La storia dal punto di vista di un maialino

M6NTHS è un cortometraggio di 12 minuti girato interamente dal punto di vista di un maialino che cresce in un allevamento intensivo, senza nessun commento o voice-over. Questa prospettiva unica mostra l’anonimo animale da allevamento, che nell’industria dell’allevamento intensivo è ridotto a prodotto, come un individuo intelligente che prova emozioni. Invita lo spettatore a pensare a come trattiamo gli animali negli allevamenti.

Le scrofe in gabbia

Il corto mostra anche alcune scene in cui il suinetto prova a prendere il latte dalla scrofa. Negli allevamenti intensivi le scrofe trascorrono metà della loro vita in gabbie talmente strette che possono solo stare erette e stendersi senza girarsi su stesse. Succede anche mentre allattano, e la costrizione della gabbia impedisce loro di accudire naturalmente i propri piccoli. Schellekens ha girato M6NTHS mentre studiava all’università e dopo che il corto ha ricevuto il Panda Award.

L’iniziativa dei cittadini europei contro l’uso delle gabbie

M6NTHS sarà in streaming in esclusiva per due settimane sui siti delle ong europee che sostengono l’iniziativa contro le gabbie. Sono più di 140 le ong che costituiscono la più grande coalizione mai riunitasi per una ICE. Le associazioni italiane sono 20. Animal Law, Animal aid, Animal Equality, CIWF Italia Onlus, Lega Nazionale Difesa del Cane, Legambiente, Amici della Terra, Il Fatto Alimentare, Terra Nuova, Confconsumatori, Lega per l’abolizione della caccia, Jane Goodall Institute, Terra! Onlus, Animalisti Italiani, ENPA, LAV, Partito animalista, LEIDAA, OIPA, Lumen. Lo scopo dell’iniziativa è di raccogliere un milione di firme in un anno, affinché la Commissione europea sia obbligata a pronunciarsi ufficialmente sull’argomento. Finora, in tutta l’UE, sono state raccolte 300.000 firme, di cui 30.000 italiane.

Per vedere il cortometraggio, clicca qui.