Succhi di frutta all’arsenico, cadmio e piombo, il test Usa rivela: per uno su due alti livelli di metalli pesanti

I rischi per la salute nel consumo di succhi di frutta non sono solo legati all’alta percentuale di zuccheri che spesso contengono, ma secondo quanto riportano i nuovi test di ConsumerReports, anche a metalli nocivi contenuti. Stiamo parlando di sostanze come l’arsenico, il cadmio e il piombo.

Il test

Cr ha testato 45 famosi succhi di frutta venduti in tutti gli Stati Uniti, con contenuto vario tra cui mele, uva, pera e miscele di frutta, e ha trovato livelli elevati di metalli pesanti, in quasi la metà di essi, compresi i succhi commercializzati per i bambini. “In alcuni casi, bere 120 millilitri corrispondente a mezza tazza, è sufficiente per suscitare preoccupazione”, afferma James Dickerson, Ph.D., responsabile scientifico di CR. In Usa, nel 74% dei casi, i bambini bevono succo di frutta una volta al giorno o più. I bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti nocivi dei metalli pesanti. “L’esposizione a questi metalli precoce può influenzare il loro percorso vitale”, afferma Jennifer Lowry, M.D., presidente del Consiglio dell’American Academy of Pediatrics sulla salute ambientale. Ma i metalli pesanti possono anche danneggiare gli adulti. “Cinque dei succhi testati rappresentano un rischio per gli adulti a mezza tazza o più al giorno, e altri cinque rappresentano un rischio una tazza o più”, afferma Dickerson.

Il problema di tante piccole dosi per molto tempo

“Gli effetti dannosi dei metalli pesanti sono ben documentati. A seconda di quanto a lungo i bambini sono esposti a queste tossine e a quanto sono esposti, possono essere a rischio di QI ridotto, problemi comportamentali (come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività), diabete di tipo 2 e cancro, tra gli altri problemi di salute” scrive CR, che aggiunge “Sebbene i rischi di metalli pesanti provenienti da qualsiasi fonte possano essere bassi, quando le persone sono esposte anche a piccole quantità da più fonti, nel tempo il pericolo si moltiplica”. E tale esposizione è comune. Precedenti test di CR e altri hanno trovato livelli elevati di metalli pesanti non solo nei succhi, ma anche negli alimenti per neonati e bambini, riso e prodotti a base di riso, proteine ​​in polvere, alcuni tipi di pesce e patate dolci. Le tossine possono anche essere nell’ambiente, compresa l’acqua, l’aria e il suolo. Per molti anni, anche una modesta quantità di metalli pesanti può aumentare il rischio di cancro alla vescica, ai polmoni e alla pelle; problemi cognitivi e riproduttivi; e diabete di tipo 2, tra le altre condizioni.

Piombo, cadmio e arsenico, quali rischi

Il piombo, ad esempio, è associato a problemi di pressione alta, malattie cardiache e problemi di fertilità. L’arsenico è legato alle malattie cardiovascolari. L’esposizione al cadmio a lungo termine aumenta il rischio di danni alle ossa e malattie renali, tra le altre cose. Ciononostante, Dickerson afferma che non è mai troppo tardi per cambiare le abitudini alimentari anche se tu oi tuoi figli bevete succhi più ricchi di metalli pesanti. “Il rischio deriva dall’esposizione cronica”, dice. “Ridurre al minimo il consumo di succhi e altri alimenti che contengono metalli pesanti può ridurre la possibilità di esiti negativi in ​​futuro.”

I marchi analizzati

Per il progetto attuale della CR, abbiamo esaminato 45 succhi in quattro gusti: mela (22), miscele di succo di frutta (13), uva (7) e pera (3). La maggior parte proveniva da concentrati, il che significa che tutta l’acqua è stata rimossa dalla frutta pressata per il trasporto, quindi aggiunta nuovamente in fabbrica. Ventiquattro marchi nazionali, di negozi e di etichette private sono stati messi sotto analisi:  365 Everyday Value (Whole Foods), Apple & Eve, Big Win (Rite Aid), Capri Sun, Clover Valley (Dollar General), Great Value (Walmart), Gerber, Good2Grow, Gold Emblem (CVS), Goya, Honest Kids, Juicy Juice, Looza, Market Pantry (Target), Minute Maid, Mott’s, Nature’s Own, Ocean Spray, Old Orchard, R.W. Knudsen, Simply Balanced (Target), Trader Joe’s, Tree Top, and Welch’s.

I bio e quelli per bambini non sono andati meglio

Ogni prodotto aveva livelli misurabili di almeno uno di questi metalli pesanti: cadmio, arsenico inorganico, piombo o mercurio; Ventuno (47 percento) dei 45 succhi presenti nei livelli di cadmio, arsenico inorganico e / o piombo. Il succo d’uva e le miscele di succhi avevano i livelli medi più elevati di metalli pesanti. I marchi di succhi di frutta commercializzati per i bambini non andavano meglio o peggio di altri succhi. I succhi biologici non hanno livelli più bassi di metalli pesanti rispetto a quelli convenzionali.