Facebook, la nuova accusa: passava i dati personali a Netflix, Amazon, Yahoo e Microsoft

“Per anni, Facebook ha dato ad alcune delle più grandi aziende tecnologiche del mondo un accesso più intrusivo ai dati personali degli utenti di quanto non abbia reso pubblico, esentando quei partner commerciali dalle solite regole sulla privacy”, a dirlo è il New York Times, che è entrato in possesso di disposizioni speciali dettagliate in centinaia di pagine di documenti Facebook. I documenti, generati nel 2017 dal sistema interno dell’azienda per il monitoraggio delle partnership sottolineano “come i dati personali siano diventati il ​​bene più prezioso dell’era digitale, scambiati su vasta scala da alcune delle più potenti aziende della Silicon Valley e oltre”.

Le accuse

“Facebook ha permesso al motore di ricerca Bing di Microsoft di vedere i nomi di praticamente tutti gli amici degli utenti di Facebook senza il consenso, e ha dato a Netflix e Spotify la possibilità di leggere i messaggi privati ​​degli utenti di Facebook” scrive il Nyt, secondo cui il social network ha anche permesso ad Amazon di ottenere i nomi degli utenti e le informazioni di contatto attraverso i loro amici, e ha permesso a Yahoo di vedere i post degli amici fino alla scorsa estate, nonostante le dichiarazioni pubbliche di aver fermato quel tipo di condivisione anni prima.

Benefici per 150 aziende

Lo scorso marzo Facebook era finita al centro dello scandalo dopo che si è scoperto che una società di consulenza politica, Cambridge Analytica, ha utilizzato impropriamente i dati del social network per costruire strumenti che hanno aiutato la campagna del presidente Trump nel 2016. Mark Zuckerberg, l’amministratore delegato, aveva assicurato ai legislatori ad aprile che le persone “hanno il controllo completo” su tutto ciò che condividono su Facebook. Ma i documenti, così come le interviste con circa 50 ex dipendenti di Facebook e dei suoi partner aziendali, rivelano che Facebook ha consentito a determinate aziende l’accesso ai dati nonostante tali protezioni. “Complessivamente, le operazioni descritte nei documenti hanno beneficiato di oltre 150 società, la maggior parte delle quali sono imprese tecnologiche, compresi rivenditori online e siti di intrattenimento, ma anche case automobilistiche e organizzazioni di media” spiega il giornale. “Le loro applicazioni cercavano i dati di centinaia di milioni di persone al mese. Le offerte, le più vecchie delle quali risalgono al 2010, erano tutte attive nel 2017. Alcune erano ancora in vigore quest’anno”.

Facebook in difesa, ma…

In un’intervista, Steve Satterfield, direttore della privacy e politica pubblica di Facebook, ha affermato che nessuna delle partnership ha violato la privacy degli utenti o la legge sulla privacy. “I contratti richiedevano che le aziende rispettassero le politiche di Facebook”, ha aggiunto. Tuttavia, ha detto Satterfield, “Sappiamo che abbiamo del lavoro da fare per riguadagnare la fiducia delle persone”,  “Proteggere le informazioni delle persone richiede team più forti, una tecnologia migliore e politiche più chiare, ed è qui che ci siamo concentrati per la maggior parte del 2018”.  Facebook non ha trovato prove di abusi da parte dei suoi partner, ha detto una portavoce.

Amazon, Netflix, Yahoo e Microsoft

Alcuni dei più grandi partner, tra cui Amazon, Microsoft e Yahoo, hanno dichiarato di aver utilizzato i dati in modo appropriato, ma hanno rifiutato di discutere le operazioni di condivisione in dettaglio. Facebook ha affermato di aver gestito male alcune delle sue partnership, consentendo a determinate aziende di continuare a lungo dopo aver chiuso le funzionalità che richiedevano i dati. Ai partner era proibito utilizzare le informazioni personali per altri scopi che non fossero la fornitura del servizio per cui chiedevano l’accesso ai dati fb.

Secondo il Nyt, invece, esperti sulla privacy dei dati hanno contestato l’affermazione di Facebook. Ashkan Soltani, ex capo tecnico presso la Federal trade commission, ha affermato nelle interviste che le sue operazioni di condivisione dei dati probabilmente avevano violato l’accordo.