Lo studio: come aumentare i raccolti e salvare le api (senza pesticidi)

E se la strada per invertire il collasso delle popolazioni di api, un problema drammatico mondiale, passasse oltre che per la riduzione dei pesticidi anche per strade tutto sommato molto semplici?

La nuova strategia verrà presentata questa settimana alla conferenza sulla biodiversità delle Nazioni Unite da Stefanie Christmann del Centro internazionale per la ricerca agricola nelle aree asciutte.
Lo studio, però, è già noto. Christmann ha passato gli ultimi cinque anni a lavorare su un approccio che chiama “agricoltura con impollinatori alternativi” con prove sul campo in Uzbekistan e Marocco.
In sostanza l’essenza della tecnica è intervallare colture in fiore alle coltivazioni da reddito. E fornire agli impollinatori un supporto per la nidificazione, come il legno vecchio e il terreno battuto su cui possono scavare le api nidificanti. Meglio ancora, piantare girasoli nelle vicinanze come rifugi eolici.
“Non servono attrezzature, nessuna tecnologia e solo un piccolo investimento in semi. È molto facile e realizzabile anche nei paesi più poveri” ha spiegato la scienziata.
Gli esperimenti in campo hanno misurato benefici “sorprendenti” per gli agricoltori e per le api. Le colture sono state impollinate in modo più efficiente, ci sono stati meno parassiti come afidi e insetti volanti e le rese sono aumentate in termini di quantità e qualità.
In tutte e quattro le diverse regioni climatiche che Christmann ha studiato, il reddito totale degli agricoltori è aumentato, anche se i benefici erano più evidenti su terreni degradati e fattorie che in precedenza non godevano dell’apporto di impollinatori. I maggiori guadagni sono stati nei climi semi-aridi, dove i raccolti zuccherini sono aumentati del 561%, le melanzane del 364%, le fave del 177% e i meloni del 56%. Nelle zone con piogge adeguate, il raccolto di pomodori è raddoppiato e la melanzana è aumentata del 250%. Nei campi di montagna, la produzione di zucchine è triplicata e le zucche sono raddoppiate.
In un altro studio, finanziato dal ministero dell’ambiente tedesco, Christmann metterà alla prova un piano quinquennale per passare dal lavoro con piccoli progetti pilota a produttori su larga scala inserendo strisce fiorite di colza e altre colture commerciabili per spezzare le monocolture.
“L’intero ambiente sarebbe più ricco, più bello e più resistente ai cambiamenti climatici”, ha spiegato. “Avremmo molti più insetti, fiori e uccelli”. E ha concluso con una nota ironica:  “Penso che alla Monsanto non piacerà questo progetto perché vogliono vendere i loro pesticidi e questo approccio riduce naturalmente i parassiti”.