Olanda, allarme residui di pesticidi vietati in frutta e verdura da paesi non Ue

L’Autorità per la sicurezza alimentare olandese (Nvwa) riscontra regolarmente nelle importazioni di frutta e verdura provenienti da paesi extraUE, residui di pesticidi il cui uso in Europa è vietato per nocività per il consumatore. A riportarlo è l’Ong FoodWatch, che fa riferimento alle analisi di controllo dell’ente dei Paesi bassi. Tra i prodotti sotto accusa, per esempio, ci sono ananas dal Costa Rica, fagioli del Kenya e pomodori dal Marocco. Le sostanze in questione sono vietate agli agricoltori nell’UE perché possono essere cancerogene o perturbatori endocrini. “Poiché l’UE non può imporre requisiti sull’uso dei pesticidi al di fuori dell’UE, è complicato proteggere i consumatori europei attraverso la legislazione” scrive FoodWatch, “Tuttavia, sono stati imposti limiti europei al numero di residui che possono essere lasciati sul cibo, ma non sempre sono garantiti come sicuri e non sempre ben controllati”.

La campagna rivolta alle Gdo

Ecco perché foodwatch ha lanciato un appello alla grande distribuzione risolvere questo problema concordando con i loro fornitori al di fuori dell’UE di non utilizzare più questi pesticidi pericolosi. FoodWatch parla di un triplo vantaggio: i consumatori sono meglio protetti, i contadini non devono lavorare con i pesticidi più rischiosi e degli agricoltori europei godono di una più equa concorrenza. Un accertamento del genere servirebbe anche in Italia, potrebbero venirne fuori dati preoccupanti.

Frutta e verdura con fondi vietati nell’Unione europea

In precedenza, Foodwatch aveva riferito che il 70% delle bacche di goji controllate nel 2016 erano fortemente inquinate. Anche altri frutti esotici come i frutti del drago e i rambutan della Thailandia e i litchi provenienti dalla Cina sembrano essere a rischio. Molti degli ortofrutticoli importati contengono anche diversi pesticidi contemporaneamente: un cocktail di non meno di 25 diversi pesticidi è stato trovato su una partita di foglie di vite turche. 21 di queste risorse hanno anche superato lo standard legale, incluse due sostanze che non possono essere utilizzate nell’UE a causa di problemi di salute. Il problema è che tali valori limite non offrono sempre una buona protezione. Ad esempio, per le sostanze mutagene che possono danneggiare il Dna, non esiste una dose sicura, semplicemente non si deve ingerire quella sostanza. Eppure queste sostanze vietate finiscono sul piatto del consumatore attraverso la porta sul retro.

La catene provano ad adeguarsi

Con una campagna di mail ai 5 supermercati più grandi in Olanda, Albert Heijn, Jumbo, Lidl, Aldi e Plus, FoodWatch chiede di assumersi le proprie responsabilità. L’Ong ha stilato un elenco di 140 sostanze sulla base di valutazioni scientifiche riconosciute che non dovrebbero più essere utilizzate nella produzione di frutta e verdura. Un certo numero di supermercati ha già stabilito requisiti aggiuntivi per l’uso di pesticidi da parte dei loro fornitori. Ad esempio, Plus ha chiesto di non utilizzare alcuni pesticidi nocivi. Jumbo usa anche una lista nera, con i pesticidi che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono nelle classi di rischio più alte. Albert Heijn vuole che i suoi coltivatori olandesi entro il 2019 smettano di utilizzare 27 pesticidi, i più dannosi.