“Meno cibi troppo elaborati per salvare l’Europa dall’obesità”

Iperappetibile e attraenti, con una lunga shelf-life e un profilo nutrizionale denso di energia, in maxi confezioni, gli alimenti ultra-elaborati sono progettati per essere consumati ovunque, in qualsiasi momento – e stanno contribuendo all’obesità in Europa.

È quanto afferma una ricerca condotta, tra gli altri da Carlos Augusto Monteiro della School of Public Health dell’Università brasiliana di San Paolo e pubblicata da FoodNavigator.

L’autore si riferisce a prodotti come bevande analcoliche, snack confezionati e dolciumi; pane confezionato industriale; carne ricostituita come accade negli hot dog e nei bocconcini di pollo, zuppe e noodles istantanei e pizze, torte e piatti pronti preparati industrialmente.

“Sono anche aggressivamente commercializzati spesso in grandi porzioni e sono tipicamente progettati per essere consumati come snack piuttosto che come pasti regolari. Tutti questi fattori inducono il consumo eccessivo di energia e quindi il sovrappeso e l’obesità “, sostengono gli autori.

Utilizzando sondaggi nazionali, relazioni e documenti sottoposti a peer review, i ricercatori hanno stimato la prevalenza dell’obesità in Austria, Belgio, Croazia, Cipro, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Malta, Norvegia, Portogallo , Slovacchia, Spagna e Regno Unito.

Hanno poi confrontato queste statistiche con i dati alimentari presi dal Data Food Networking (DAFNE) per tutti i paesi oltre al Regno Unito, che ha utilizzato la Living Cost e Food Survey (LCFS).

La prevalenza dell’obesità variava dal 7,1% in Francia, all’8,2% in Italia, fino ad arrivare al 24,5% nel Regno Unito, il paese che aveva anche il più alto consumo di alimenti ultra-trasformati.

Anche la Germania, dove il 46,2% dell’energia alimentare totale proveniva da alimenti ultra-elaborati, aveva anche un alto tasso di obesità.

“I risultati rafforzano la necessità di politiche e azioni pubbliche che promuovano il consumo di alimenti non trasformati o minimamente trasformati e rendono gli alimenti ultra-elaborati meno disponibili e accessibili”, hanno scritto gli autori.

Gli autori sono stati particolarmente critici nei confronti del pane lavorato. Fatto con farina, lievito, acqua e sale (con l’aggiunta di frutta secca o olive, ad esempio),  gran parte del pane consumato in Europa è prodotto industrialmente e comprende ingredienti “di fabbrica” ​​come grassi idrogenati,  sciroppo di mais fruttosio, emulsionanti, conservanti e altri additivi.