Roaming, Fastweb autorizzata a far pagare un sovrapprezzo

Tornano i sovrapprezzi per il roaming. Almeno per i clienti Fastweb, la prima compagnia telefonica ad approfittare della “eccezione” che il regolamento europeo n. 2015/2120 (che prevede l’applicazione della tariffa nazionale per il traffico voce/SMS/dati generato in uno qualsiasi dei Paesi membri dell’Unione europea), offre agli operatori che si trovano in una particolare situazione.

Il Regolamento prevede, infatti, che “in circostanze specifiche ed eccezionali, al fine di assicurare la sostenibilità del modello di tariffazione nazionale” e “solo nella misura necessaria per recuperare i costi della fornitura di servizi di roaming al dettaglio regolamentati, tenuto conto delle tariffe massime all’ingrosso applicabili”, un fornitore di servizi roaming possa presentare una domanda di autorizzazione ad applicare un sovrapprezzo, in deroga all’applicazione del Regolamento stesso.

Svantaggiati gli operatori virtuali

La richiesta di deroga deriva dal fatto che il Regolamento europeo ha azzerato i costi del roaming al dettaglio ma non quelli “all’ingrosso” (cioè il prezzo pagato da un operatore all’altro). Ciò determina uno svantaggio per gli operatori mobili virtuali, come Fastweb, che acquistano traffico dati dalle reti che li ospitano.
Mentre, dunque, gli operatori infrastrutturati acquistano e vendono traffico roaming in modo bilanciato, la stessa cosa non possono farla gli operatori virtuali, che acquistano traffico roaming e dunque incorrono in un costo effettivo per offrire ai propri clienti il servizio a costo zero.

Così, Fastweb ha fatto domanda all’Agcom dimostrando di non essere in grado di recuperare i costi sostenuti per la fornitura dei servizi di roaming al dettaglio.
L’Autorità ha quindi dato l’ok, autorizzando la società ad applicare i sovrapprezzi ai servizi di roaming per un periodo di 12 mesi dalla pubblicazione della sua delibera (N. 297/17/CONS. del 17 luglio 2017).

Le soglie massime di sovrapprezzo applicabili sono (valori IVA esclusa): 2,4 €cent/min per le chiamate (uscenti); 1 €cent per SMS (uscenti); 0,6 €cent/MB per traffico dati.

Lo speciale in edicola

E se siete in partenza per una vacanza all’estero, non perdetevi lo speciale che il Salvagente da oggi in edicola dedica alle migliori offerte degli operatori telefonici.

Acquista qui il nuovo numero del Salvagente con lo speciale sui pacchetti-vacanza offerti dagli operatori telefonici