Scrivere di Cibo, domani a Napoli il festival dedicato alla dieta mediterranea

Dal 2010 è patrimonio dell’Unesco e grazie ad essa gli italiani, secondo il Bloomberg Global Health Index, guidano la classifica dei paesi “più in salute” a livello mondiale e con maggiore aspettativa di vita. E alla dieta mediterranea è dedicata Scrivere di Cibo la prima rassegna libraria con mercato e cucina annessa al via domani 23 marzo e fino a domenica 26 presso lo Gnam Village della Città della Scienza di Napoli. Fitto il calendario degli appuntamenti e anche Il Salvagente sarà presente con uno stand e sabato mattina sarà tra i promotori e i protagonisti della tavola rotonda (ore 11) I diritti dei consumatori.

“Città della Scienza ha deciso coscientemente di dedicare uno spazio alla cultura del cibo e alla dieta mediterranea – ha spiegato il Gianfranco Nappi, responsabile Progetti speciali Città della Scienza e dell’area Gnam Village – nell’ottica della promozione di una giusta cultura del cibo“. Formazione, ricerca e imprese di qualità è lungo queste direttrici che la Città della Scienza, risorta dopo l’incendio del 2013, si propone di diventare uno dei poli di attrazione della ricerca italiana.

Scuola, cibo e scrittura

Si parte giovedì 23 marzo alle 10 con l’inaugurazione dove interverranno tra gli altri Gianfranco Nappi, Franco Alfieri (Regione Campania) Rosanna Cioffi (Università della Campania “Luigi Vanvitelli”) e lo scrittore Maurizio de Giovanni. Saranno previsti incontri con gli autori e con i grandi chef come Alfonso Iaccarino incontri sulla pizza con Giuseppe Vesi al forno e soprattutto momenti di formazione.

Le scuole e gli studenti saranno i grandi protagonisti della manifestazione e tanti sono i laboratori dedicati alle diverse classi: per le scuole primarie si terranno laboratori di scrittura sul genere della fiaba; per le scuole secondarie di primo grado le “esercitazioni” si incentreranno su un racconto breve incentrato sul binomio “cibo e giallo”; per le scuole secondarie di secondo grado si “giocherà” con la scrittura per elaborare un racconto strutturato in capitoli inerente il binomio “cibo e giallo”.

A cena con De Filippo

Una delle finestre più ampie e interessanti sarà “Il Giallo nel piatto”, una serie di incontri dedicati all’enogastronomica nella letteratura gialla, dalla passione del Commissario Montalbano per la buona cucina passando per letture sul senso dell’ebrezza in Edgar Allan Poe, laboratori di scrittura e molto altro ancora che vedrà, tra i relatori di punta anche lo scrittore partenopeo Maurizio de Giovanni.

A chiudere le quattro giornate ci sarà sempre uno show enogastronomico come la cena “a tema” ottocentesca che si terrà sabato sera alle 20 nelle aree dello Gnam Village e la  chiusura in memoria di Edoardo De Filippo: tre momenti di racconto da parte di personaggi come Giulio Baffi e Luigi Necco e, a chiudere, un omaggio alle “ricette di Eduardo” dei ragazzi dell’Istituto alberghiero “G. Rossini” di Napoli con un dolce di Antonio Cafiero.

Il Salvagente a Scrivere di Cibo

Il mensile Il Salvagente sarà presente duranti tutti e quattro i giorni del festival con un proprio stand dove sarà possibile conoscere il giornale, le sue guide e i libri dei test.

Sabato 25 alle ore 11, moderati da Riccardo Quintili, direttore del Salvagente, Rosario Stornaiuolo, presidente della Federconsumatori di Napoli e Campania, Enrico Cinotti, vice direttore del Salvagente, Alberto Ritieni, professore di Chimica degli alimenti Università di Napoli, Federico II, Antonio Limone, direttore generale Izs per il Mezzogiorno, parleranno di sicurezza alimentare, etichettatura e alimentazione. Nel corso dell’incontro verrà presentata la ricerca della Federconsumatori Campania “a Sud dei consumi. Oltre le differenze“, la guida “I miti alimentari“, del professor Alberto Ritieni pubblicata da Il Salvagente, e il libro di Enrico Cinotti “E’ facile fare la spesa se sai leggere l’etichetta” pubblicato da Newton Compton.