Ministero vieta 40 principi attivi dimagranti: c’è anche il te verde e l’aloe

Tè verde, finocchio e arancio amaro. Sono tre dei quaranta principi attivi dimagranti vietati dal ministero della Salute con un decreto firmato il 22 dicembre 2016 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 2 gennaio 2017. Il divieto riguarda, oltre all’allestimento, anche la prescrizione delle stesse da parte del medico. Inoltre il provvedimento vieta ai farmacisti di eseguire preparazioni magistrali contenenti i suddetti principi attivi in combinazione associata tra loro  e che è inoltre vietato ai medici di prescrivere e ai farmacisti di allestire per il medesimo paziente due o più preparazioni magistrali singole contenenti uno dei principi attivi sopra elencati.

Non è la prima volta che il ministero interviene vietando alcune sostanze dimagranti: i primi divieti risalgono al 2015 quando con quattro distinti decreti ha vietato dieci principi attivi: la fenilpropanolamina/norefedrina, la pseudoefedrina, il triac, il clorazepato, la fluoxetina, il furosemide, la metformina, il bupropione, il topiramato e l’efedrina.

Questi, invece, sono i 40 principi attivi vietati con il nuovo provvedimento:

– sertralina;
– buspirone;
– acido ursodesossicolico;
– pancreatina f.u. ix ed.;
– 5-idrossitriptofano;
– te’ verde e.s. caffeina;
– citrus aurantium e.s. sinefrina;
– fucus e.s. iodio totale;
– tarassaco e.s. inulina;
– aloe e.s. titolato;
– boldo e.s. boldina;
– pilosella e.s. vitex;
– teobromina;
– guarana’ e.s. caffeina;
– rabarbaro e.s. reina;
– finocchio e.s.;
– cascara e.s. cascarosidi;
– 1-(beta-idrossipropil) teobromina;
– acido deidrocolico;
– bromelina;
– caffeina;
– cromo;
– d-fenilalanina;
– deanolo-p-acetamido benzoato;
– fenilefrina;
– fucus vesciculosus estratto secco;
– L-(3 acetiltio-2(S)-metil propionil)-L-propil-L-fenilalanina;
– senna;
– spironolattone;
– teobromina;
– L-tiroxina;
– triiodotironina;
– zonisamide;
– naltrexone;
– oxedrina;
– fluvoxamina;
– idrossizina;
– inositolo;
– L-carnosina;
– slendesta.

La Fofi chiede incontro urgente a Ministero, Aifa e Iss

Tenuto conto della rilevanza della tematica, la Federazione degli Ordini dei Farmacisti ha ritenuto opportuno chiedere al Ministero della salute, all’AIFA e all’Istituto Superiore di Sanità di attivare, con urgenza, un momento di confronto, per approfondire alcuni aspetti tecnici.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021