In Cile la più grande piantagione di Cannabis a uso terapeutico

6.900 semi di cannabis, 20 municipi interessati. È la piantagione di marijuana a uso terapeutico e di ricerca più grande dell’America Latina.

Localizzata a Colbún, in Cile, contribuirà a placare i dolori di 4mila malati di tumore, epilessia refrattaria o altri pazienti afflitti da dolore cronico.

L’iniziativa, voluta dalla Fondazione Daya, conta di produrre 1,5 milioni di tonnellate di già tra marzo e maggio, sotto la supervisione del Servizio agricolo del Cile.

“Il Cile è all’avanguardia in questo settore e già abbiamo le più grandi piantagioni dell’America Latina”, ha commentato Ana María Gazmuri, presidente della Fondazione Daya.

Il progetto conta sull’appoggio tecnico della Università di Valparaíso, del laboratorio Knop, e dell’Instituto Nacional do Câncer assieme a due ospedali pubblici, che si incaricheranno degli studi clinici con l’obiettivo di creare farmaci specifici.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

L’innaugurazione è avvenuta proprio nel momento in cui nel congresso cileno sta progredendo lentamente il dibattito sulla decriminalizzazione dell’autocoltivazione di marijuana.