giovedì, 14 Novembre 2019

Tag: cassonetti gialli

Cassonetti abiti usati, Caritas: “Rischio infiltrazioni mafiose”

Da circa un anno Caritas italiana sta lavorando a una ricognizione sull'utilizzo del suo marchio sui cassonetti gialli per la raccolta degli abiti usati, per evitare che gli indumenti raccolti finiscano sul mercato nero gestito dalla camorra

La truffa dei “cassonetti gialli”, promettevano di regalarli in Africa ma...

Raccoglievano abiti usati a Milano, Varese, Udine e Savona promettendo di regalarli in Africa. E invece i "cenci" finivano in vendita anche sulle bancarelle di Napoli e Caserta. L'operazione dei carabinieri dei Noe getta un'altra ombra su queste raccolte solidali. Ma c'è chi ha scelto la strada della trasparenza. E chi, come Humana, si fa anche certificare

La seconda vita degli abiti usati che regaliamo

La sfiducia sulla fine che fanno i nostri capi, quando decidiamo di regalarli o di utilizzare i cassonetti appositi (dove ci sono), fa sì che spesso finiscano nell'indifferenziata. Logico, dopo le inchieste che hanno svelato come il malaffare abbia messo le mani su questo settore. Ma le alternative etiche ci sono

Mafia Capitale, via i cassonetti gialli degli abiti usati

L'Ama ritira i cassonetti gialli degli abiti usati e internalizza il servizio finito nell'inchiesta Mafia Capitale e tra le sanzioni dell'Antitrust.