Ecco come la lobby dei pesticidi cerca di boicottare Farm to Fork

Un nuovo rapporto curato da Corporate Europe Observatory mette in luce le tattiche che la lobby dei pesticidi sta utilizzando in Europa per mettere in crisi Farm to Fork, il piano decennale messo a punto dalla Commissione europea per guidare la transizione verso un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell’ambiente. L’organizzazione europea non è nuova a rapporti di questo tipo: nel 2018 aveva fatto scalpore il report con cui ha messo nero su bianco le pressioni che l’associazione dei produttori di biossido di titanio, la Tdma, ha esercitato e continua ad esercitare sulla Commissione europea.

“L’industria dei pesticidi è chiaramente in modalità di sopravvivenza e sta utilizzando tattiche ingannevoli, come allarmare i politici europei con ricerche sponsorizzate dall’industria o creare pressioni internazionali” ha dichiarato Nina Holland, ricercatrice e attivista presso il Corporate Europe Observatory.

Il rapporto si basa su documenti interni (ottenuti tramite richieste sulla libertà di informazione) della Commissione europea, nonché su un documento interno di CropLife Europe che fornisce prove concrete dei veri obiettivi di questo gruppo di lobby e dei suoi membri, società di pesticidi da miliardi di euro come Bayer, BASF, Syngenta e Corteva.

Il 23 marzo la Commissione europea dovrebbe pubblicare una revisione della Direttiva sull’uso sostenibile dei pesticidi (Sud): si tratta della prima proposta legislativa che concretizza gli obiettivi del piano Farm to Fork. L’attuale Sud intendeva già limitare notevolmente l’uso di pesticidi, tuttavia gli Stati membri dell’Ue non sono riusciti completamente ad attuarlo. Nel frattempo, le prove del legame tra l’uso di pesticidi e un calo della biodiversità e degli impatti sulla salute umana si sono solo accumulate. In risposta all’incombente obiettivo di riduzione dei pesticidi, l’industria sta conducendo una feroce campagna di lobby.

La strategia CropLife trapelata conferma che mentre l’industria dei pesticidi fa dichiarazioni vuote sul suo sostegno al Green Deal dell’UE, in realtà la missione generale di CropLife Europe è “Proteggere ed estendere la libertà di operare dei membri”, e quindi ha come obiettivo chiave: “nessun obiettivo obbligatorio e uniforme in tutti i paesi dell’UE”.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Il Corporate Europe Observatory identifica tre tattiche di lobby:

Comprare convenienti ‘studi’ per politici allarmisti. Esistono numerose prove scientifiche che mostrano il profondo impatto dell’uso diffuso di pesticidi e quindi l’industria ha bisogno dei propri studi scientifici per contrastarle. Mentre il co-presidente della CE Frans Timmermans ha dichiarato che per le ambizioni Farm to Fork “la scienza è dalla nostra parte”, una delle tattiche della lobby dei pesticidi è quella di acquistare convenienti ma parziali “studi di impatto” dalle università, mostrando il “disastroso impatto economico sul settore agricolo del Farm to Fork”. Quindi organizza una serie di eventi mediatici sponsorizzati dalle aziende, per amplificare il messaggio e creare un “suono surround” per loro.

Giocare in modo geopolitico per esercitare pressioni internazionali sull’Ue. Un’altra tattica fruttuosa è quella di aver creato un’alleanza – di cui fa parte anche il governo statunitense – per fare pressione sull’Ue. Di questa alleanza nata per promuovere un’agricoltura industriale sostenibile, ne fanno parte Bayer, Corteva, Syngenta e il suo gruppo di lobby Croplife International. Ciò dimostra che, contrariamente alla loro interpretazione in Europa, queste società chiaramente non supportano il Green Deal dell’Ue. Hanno inoltre mobilitato i governi di paesi terzi per esercitare pressioni sull’Ue sugli standard dei pesticidi (ad es. residui di pesticidi nelle importazioni di prodotti alimentari) e limitare le ambizioni degli sforzi della cosiddetta “diplomazia verde” dell’UE.

Dimostrare di essere parte della soluzione. Sebbene solo 4 gruppi (Syngenta-ChemChina, Bayer-Monsanto, Basf e Corteva) rappresentino il 66% delle vendite mondiali, questo settore altamente concentrato deve proteggere le proprie attività e allo stesso tempo convincere i legislatori dell’Ue che sono d’accordo con le ambizioni del Green Deal. Alcune delle tattiche utilizzate per conciliare questi due sono impegni volontari, o per proporre false soluzioni come nuove tecnologie digitali e nuove tecniche GM deregolamentate, che si adattano al loro nuovo modello di business.

“È molto cinico che i politici dell’Ue si uniscano sempre più all’attacco agli obiettivi dell’Ue Farm to Fork utilizzando come argomento la guerra in Ucraina e l’incombente crisi alimentare. La guerra mostra proprio l’urgenza di rendere la produzione alimentare meno dipendente da combustibili fossili, pesticidi e fertilizzanti. Se sono veramente preoccupati per la sicurezza alimentare, farebbero di tutto per affrontare i livelli insostenibili di produzione di carne e le massicce importazioni di mangimi, ad esempio. È giunto il momento che le istituzioni e i politici europei cambino equipaggiare e smettere di difendere gli interessi aziendali e fare ciò che dovrebbero: proteggere l’interesse generale” conclude Holland.