Johnson & Johnson, svelati test su uomini neri detenuti per valutare gli effetti del talco sulla loro pelle

Johnson & Johnson TALCO TEST

Negli anni 60 alcuni reclusi nel carcere di Filadelfia si sono iscritti a un esperimento finanziato da Johnson & Johnson per verificare gli effetti sul corpo dell’amianto contenuto nel talco. La controversa vicenda appare nei documenti appena desecretati, emersi negli Stati Uniti durante varie cause che vedono contrapposte all’azienda consumatori che denunciato l’insorgenza del cancro legata all’uso del famoso talco.

La notizia è stata riportata da Bloomberg secondo la quale “i detenuti sono stati pagati per essere iniettati con amianto potenzialmente cancerogeno in modo che l’azienda potesse confrontare il suo effetto sulla loro pelle con quello del talco, un componente chiave del suo iconico borotalco”.

A condurre il controverso studio nella prigione di Holmesburg in Pennsylvania, fu il dermatologo dell’Università della Pennsylvania Albert Kligman. “Il test – scrive l’autorevole agenzia statunitense – finanziato da entità come Dow Chemical e il governo degli Stati Uniti, coinvolgeva principalmente detenuti neri ed è emerso per la prima volta decenni fa in libri e inchieste giornalistiche. Ma il coinvolgimento di J&J negli studi sul talco incentrati sull’amianto non è stato reso pubblico dai media prima d’ora“.

Johnson & Johnson, sebbene non abbia contestato il fatto che la società abbia assunto Kligman negli anni 60 per eseguire test sul borotalco, ha affermato di essersi pentita del coinvolgimento dell’azienda con gli studi del dermatologo. Tuttavia, l’azienda ha fatto notrare che i test non violavano gli standard di ricerca in quel momento.

“Siamo profondamente dispiaciuti per le condizioni in cui sono stati condotti questi studi e non riflettono in alcun modo i valori o le pratiche che impieghiamo oggi”, ha affermato Kim Montagnino, portavoce dell’azienda in una dichiarazione. “In qualità di più grande azienda sanitaria del mondo, il nostro approccio trasparente e diligente alla bioetica è al centro di tutto ciò che promettiamo ai nostri clienti e alla società”.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Ma come avvenivano i test? Per il test sull’amianto, prosegue Bloomberg, Kligman ha reclutato 10 detenuti nel 1971 per ricevere iniezioni di tremolite e amianto crisotilo, insieme al talco nella parte bassa della schiena. David Egilman, un professore di medicina della Brown University, ha testimoniato come esperto di querelanti in diversi casi di talco sul rapporto di Kligman del dicembre 1971 a J&J. La forma crisotilo dell’amianto “ha avuto l’effetto più grande” sulla pelle dei detenuti, causando “granulomi, che sono cellule ammassate insieme causando un’area rialzata”, ha detto Egilman. Tali “escrescenze” possono essere un indicatore di malattie polmonari o altri disturbi legati all’esposizione all’amianto, affermano i ricercatori.

Kligman, morto nel 2010, non ha mai riconosciuto alcun illecito. “Il mio uso di prigionieri pagati come soggetti di ricerca negli anni 50 e 60 era in linea con il protocollo standard di questa nazione per condurre indagini scientifiche all’epoca”, ha detto al Baltimore Sun nel 1998.