Lo studio: uno ftalato utilizzato in ambito medico aumenta la recidiva nel cancro al seno

Il Dehp, uno ftalato utilizzato per rendere flessibili le sacche IV e i tubi, aumenta la mortalità per cancro al seno e il rischio di ricaduta, a dirlo è un nuovo studio pubblicato  sulla rivista Biomedicine & Pharmacotherapy. A riportare la notizia è Environmental Health News, che riporta: “La resistenza alla chemioterapia e alla terapia ormonale è un grave problema clinico nella medicina del cancro al seno, in particolare per le metastasi e le recidive del cancro”.

I famigerati Ftalati

L’additivo Dehp è un membro della famiglia di sostanze chimiche note come ftalati. Gli ftalati hanno una miriade di utili usi industriali, dall’ammorbidire la plastica e legare il trucco al far aderire l’inchiostro ai sacchetti di plastica. Gli scienziati hanno registrato quasi altrettanti effetti negativi sulla salute, dal cancro e dal diabete all’infertilità, come più volte raccontato dal Salvagente. In uno studio pubblicato all’inizio di dicembre, i ricercatori hanno scoperto che il Dehp aumenta anche la resistenza ai farmaci, interferendo con il trattamento del cancro al seno e aumentando la probabilità di ricaduta.

Dehp e cancro al seno

La ricerca è stata stimolata da risultati precedenti dello stesso gruppo di ricerca che indicavano che il Dehp interferiva con le azioni di due delle comuni chemioterapie per il cancro al seno. Solo che loro non sapevano come fosse stato causato l’effetto apparente. Questa nuova ricerca ha confermato ed esteso i risultati precedenti. Hanno scoperto che i pazienti con livelli più elevati di Dehp avevano maggiori probabilità di sviluppare di nuovo il cancro al seno e avevano anche maggiori probabilità di morire.

Come funziona

La ricerca ha anche fornito informazioni dettagliate sul motivo per cui ciò stava accadendo, utilizzando una combinazione di studi sui meccanismi dell’azione del Dehp nelle linee cellulari del cancro al seno umano, nel pesce zebra e nei topi. Uno dei risultati più interessanti è stato che il Dehp ha attivato un gene noto “per promuovere la proliferazione, l’invasione, la metastasi e la resistenza ai farmaci” nelle linee cellulari del cancro al seno umano.

Molto utilizzato in ambito medico

Il Dehp è ampiamente utilizzato in apparecchiature mediche come sacche endovenose e tubi di plastica, compresa la somministrazione di agenti chemioterapici alle donne con cancro al seno. Se questi risultati vengono confermati, significa che l’atto stesso di somministrare il medicinale indebolisce i trattamenti.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

“Non si può più chiudere gli occhi”

“I regolatori hanno a lungo chiuso un occhio sugli effetti gravi e dannosi che gli ftalati hanno sulla nostra salute”, ha affermato Pete Myers, capo scienziato di Environmental Health Sciences, editore di EHN.org. “Questo documento mostra ancora una volta ciò che i ricercatori di tutto il mondo stanno scoprendo: abbiamo bisogno di una chimica più sicura nei nostri prodotti. Nessuno sa quante donne con cancro al seno muoiono a causa di questi effetti del Dehp”.

Dirottatori di ormoni

Dati gli effetti indicati in questo studio, è molto plausibile che il Dehp, altri ftalati e altri “dirottatori di ormoni” noti come composti che alterano il sistema endocrino interferiscano con i trattamenti medicinali per altre malattie. È già stato suggerito per la capacità dei composti perfluorurati (Pfas)  di minare le vaccinazioni nei bambini e per il bisfenolo A di interferire con il trattamento del cancro al seno. “In altre parole, questo studio potrebbe essere la punta dell’iceberg per gli effetti degli interferenti endocrini sulla salute umana” conclude Ehn.