Lo studio: i bambini sono ingenui mangiatori di carne

BAMBINI

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

I bambini sono inconsapevoli mangiatori di carne: lo fanno perché non riconoscono che wurstel e prosciutto non sono nient’altro che animali uccisi per essere mangiati. È quanto rivela uno studio pubblicato sulla rivista “Journal of Environmental Psychology” secondo cui i bambini ignorano come vengono prodotti gli alimenti comuni, soprattutto quelli che subiscono una trasformazione e che non sono quindi riconoscibili. Rendere i bambini consapevoli in questa fase della crescita può rappresentare una finestra unica di opportunità per insegnare i vantaggi di una dieta a base vegetale.

“I bambini di quattro e cinque anni del nostro campione non sono riusciti a identificare con precisione le origini degli alimenti di origine animale su base coerente – si legge nello studio – . Ad esempio, i bambini classificavano comunemente pancetta e hot dog come alimenti a base vegetale. Allo stesso modo, i bambini piccoli che abbiamo testato non sono stati in grado di identificare in modo affidabile animali culturalmente appropriati da mangiare negli Stati Uniti2.

Secondo i ricercatori, che hanno incrociato e analizzato i dati emersi da diverse ricerche su questo argomento, la mancanza di comprensione dei bambini è dovuta alle preoccupazioni dei genitori nel proteggere i bambini da fatti scomodi. Ma non solo.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Uno dei motivi per cui i bambini possono mostrare confusione riguardo al cibo di origine animale è, infatti, perché molti genitori negli Stati Uniti sono riluttanti a parlare con i propri figli delle origini della carne. La reticenza a rivelare l’origine animale della carne deriva anche da preoccupazioni pratiche che i bambini possano rifiutarsi di mangiare carne se comprendono appieno cos’è e come viene prodotta. Piuttosto che gestire l’inconveniente di cucinare diverse opzioni pasto o affrontare le emozioni che possono derivare dalla rivelazione che la pancetta nel piatto del loro bambino era una volta un maiale vivo e respirante, alcuni genitori invece preferiscono tacere la verità. Ma, come dicevamo, ci sono anche altre responsabilità.

La disinformazione dei bambini può anche essere attribuita ai modi in cui la carne è dissociata dalle sue origini animali in molte culture occidentali che dipendono fortemente dai sistemi alimentari industrializzati. I prodotti a base di carne hanno poca somiglianza con gli animali quando vengono offerti in vendita nella maggior parte dei negozi di alimentari negli Stati Uniti. Hamburger, bacon e hotdog si trasformano in processi in gran parte invisibili ai bambini, tanto che nel momento in cui finiscono su un piatto la connessione tra il cibo e l’animale è astratta. Anche i prodotti a base di carne che contengono ossa (ad esempio le cosce di pollo) assomigliano molto poco agli animali da cui provengono. In aggiunta a questa dissociazione, i prodotti a base di carne e gli animali sono indicati con etichette diverse in inglese (ad esempio, maiale e maiale). Il risultato è che molti bambini non sono esposti a informazioni che li aiutino a stabilire il collegamento tra le carni e le loro fonti animali.

I nostri dati indicano anche che la carne non è del tutto unica nei fraintendimenti alimentari dei bambini. Rispetto alle carni, i bambini sapevano di più sugli alimenti di origine animale non carnei (ad esempio formaggio, uova), ma i tassi di errore per questi prodotti erano ancora più alti di quelli associati alla maggior parte degli alimenti a base vegetale nel gruppo di giovani che abbiamo testato. Ciò suggerisce che i bambini in età prescolare potrebbero non comprendere appieno le origini animali degli alimenti che mangiano regolarmente. In questo caso, la mancanza di comprensione dei bambini non può essere attribuita alle preoccupazioni dei genitori nel proteggere i bambini da fatti scomodi.