Vista, udito e denti: i cibi che aiutano a mantenerli sani

Anche se non è molto intuitivo, ci sono cibi che aiutano a mantenere sana la vista p l’udito. Più scontato ma altrettanto interessante conoscere l’alimentazione migliore per non danneggiare i denti. A tutte e tre le questioni ha dedicato un articolo, basato sul parere di esperti, il magazine dei consumatori Usa Consumer Report. Vediamoli insieme

Aiutanti dell’udito

Le donne che hanno seguito uno dei tre modelli alimentari – la dieta mediterranea alternativa, gli approcci dietetici per fermare l’ipertensione e l’indice di alimentazione sana alternativo 2010 – avevano un rischio di perdita dell’udito inferiore di circa il 30%. Questo è secondo uno studio di 22 anni pubblicato nel 2018 sul Journal of Nutrition. Sebbene le diete presentino alcune differenze, “tutte enfatizzano una maggiore assunzione di frutta e verdura e una minore assunzione di sodio, zuccheri aggiunti e grassi saturi”, afferma Sharon Curhan, direttore del Conservation of Hearing Study presso il Brigham and Women’s Hospital. a Boston. E tutti contengono un sacco di beta-carotene, acido folico e acidi grassi omega-3, che sembrano essere particolarmente protettivi per l’udito. Questi piani alimentari possono aiutare in parte promuovendo il flusso sanguigno alla coclea dell’orecchio interno, le cui minuscole cellule ciliate trasmettono “messaggi” che il cervello interpreta come suoni. Possono anche aiutare a proteggere dai cali legati all’età della funzione cocleare.

Limitare gli amidacei

Tali diete limitano anche i carboidrati amidacei, come riso bianco, patate e pasta, e gli zuccheri aggiunti, afferma Christopher Spankovich, AuD, PhD, direttore della ricerca clinica nel dipartimento di otorinolaringoiatria e scienze comunicative presso l’Università del Mississippi Medical Center. “Questi tipi di alimenti aumentano i livelli di glucosio nel sangue”, dice, “e sappiamo che il diabete di tipo 2 (che è caratterizzato da una glicemia incontrollata) può anche avere un impatto sull’udito perché danneggia i minuscoli vasi sanguigni nelle orecchie”. Per seguire facilmente una dieta sana per l’udito, riempi metà del piatto con frutta e verdura, dice Curhan, specialmente quelli ricchi di beta-carotene o folati: prodotti come arancia rossa, carote o melone e verdure a foglia verde come rucola, cavolo riccio e spinaci.

L’importanza delle proteine

Almeno un quarto del piatto dovrebbe contenere proteine, dice Spankovich. (Molte persone anziane non ne hanno abbastanza. Mira ad almeno 0,36 grammi di proteine ​​per chilo di peso corporeo al giorno) Un’analisi pubblicata nel 2020 sulla rivista Ear and Hearing ha scoperto che una quantità sufficiente di proteine ​​riduceva il rischio di acufene, un ronzio nelle orecchie che potrebbe essere un segno di perdita dell’udito. La ricerca di Curhan suggerisce anche che mangiare pesce, che ha omega-3, almeno due volte a settimana è utile per l’udito.

Sorrisi protetti

L’American Dental Association (ADA) raccomanda di seguire le linee guida MyPlate del Dipartimento dell’Agricoltura. Quindi, anche per la salute dentale, la produzione dovrebbe costituire metà del pasto. Insieme a molta vitamina C (buona per la salute delle gengive) e vitamina A (aiuta a ricostruire lo smalto dei denti), frutta e verdura contengono acqua e fibre. Entrambi mantengono la bocca umida, acqua direttamente e fibra perché masticarla stimola la produzione di saliva. “La saliva lava gli acidi nocivi dal cibo lontano dai denti, cosa che li protegge dalla carie”, afferma Ruchi Sahota, un portavoce dell’ADA.

Meglio carne magra

Sul fronte delle proteine, cerca di ottenere almeno la metà da carne magra, pollame, pesce e uova, afferma Mark Wolff, preside della School of Dental Medicine dell’Università della Pennsylvania. Tutti sono ricchi di fosforo, un minerale che protegge e ricostruisce lo smalto dei denti. Anche gli adulti di età pari o superiore a 60 anni hanno bisogno di tre tazze di latticini al giorno. È ricco di calcio, un altro minerale che fa bene allo smalto dei denti.

Meno grassi saturi

Limita i grassi saturi (che si trovano nella carne rossa e nei latticini interi) e nella carne lavorata (pensa a pancetta, salsiccia, hot dog). Uno studio pubblicato nel 2021 sul British Journal of Nutrition ha scoperto che una dieta povera di prodotti e ricca di grassi saturi e carni lavorate era associata a perdita dei denti, secchezza delle fauci e malattie gengivali in età avanzata. Per l’ultimo quarto del piatto, concentrati sui cereali integrali (farina d’avena, riso integrale). I cereali lavorati (pane bianco, riso bianco, pasta) “sono più ricchi di zucchero, di cui si nutrono i batteri della bocca”, dice Wolff, contribuendo alla decomposizione.

Strategie per la vista

“Quando penso agli anziani e alla nutrizione, li divido in due categorie: la cornea, che è la superficie dell’occhio e la finestra attraverso cui guardiamo, e la retina, che si trova nella parte posteriore dell’occhio e funziona essenzialmente come il film di una macchina fotografica per ricevere le immagini”, afferma Michelle Andreoli, portavoce clinico per l’American Academy of Ophthalmology. “Affinché entrambi funzionino in modo ottimale, è necessaria una buona alimentazione per entrambi”. Quindi, oltre a una dieta complessivamente sana, Andreoli consiglia di bere almeno 2 litri di acqua al giorno. Una buona idratazione è fondamentale per l’occhio secco, una condizione correlata alla cornea comune con l’età. “Se la superficie dell’occhio non è ben idratata, l’ottica diventa pessima, un po’ come il fango sul parabrezza”, dice.

Pesce e Omega-4

Gli Omega-3 possono anche aiutare a proteggere dall’occhio secco e dalla degenerazione maculare senile (AMD), che compromette la vista al centro della retina. Quindi Andreoli consiglia di cenare a base di pesce almeno due volte a settimana, così come altri esperti consigliano per l’udito. E delle cinque-nove porzioni giornaliere consigliate di frutta e verdura, Andreoli suggerisce di farne circa la metà di colore scuro, come more, cavoli, lamponi e spinaci. “Sono tutti ricchi di luteina e zeaxantina, due nutrienti che proteggono la macula”, afferma. Una dieta che fa bene al cervello, al cuore e ai polmoni, ricca di frutta, verdura, proteine ​​magre, cereali e grassi sani, è benefica per l’udito, la vista e la salute dei denti.

Altre mosse intelligenti

1. Visite frequenti. L’American Academy of Ophthalmology (AAO) consiglia agli adulti di età pari o superiore a 65 anni di consultare un oculista per un esame oculistico completo ogni uno o due anni. Non esiste una raccomandazione ufficiale sugli screening dentali, ma poiché le condizioni che contribuiscono alla cavità come la secchezza delle fauci sono più comuni con l’età, ogni sei mesi è ragionevole, afferma Ruchi Sahota. Per i controlli dell’udito, una buona regola pratica è ogni tre anni, e più spesso se si notano problemi, afferma Christopher Spankovich, dell’Università del Mississippi Medical Center.

2. Limitare l’alcol. Provoca disidratazione e secchezza delle fauci, che possono portare a carie e malattie gengivali. E sebbene sia stato dimostrato che meno di quattro drink settimanali riducano leggermente la probabilità di un intervento di cataratta, bere quotidianamente può aumentarlo, secondo uno studio pubblicato nel 2021 sulla rivista Ophthalmology. Uno studio ha anche collegato il consumo eccessivo di alcol alla perdita dell’udito.

3. Mantieni un peso sano. La ricerca suggerisce che le persone in sovrappeso o obese possono avere maggiori probabilità di avere malattie gengivali o perdita dell’udito. E l’obesità è stata collegata a un rischio più elevato di cataratta, glaucoma, degenerazione maculare senile e retinopatia diabetica, afferma Michelle Andreoli, MD, portavoce clinico dell’AAO.