Lo studio: il mais Ogm con la tossina anti-parassiti distrugge anche l’effetto degli insetti utili

OGM

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Un nuovo studio mostra un impatto negativo imprevisto del mais Ogm Bt sugli insetti utili. Questo tipo di mais transgenico contiene geni del batterio Bacillus thuringiensis (Bt) che codificano per una tossina velenosa per alcuni insetti parassiti, permettendo una riduzione delle irrorazioni con antiparassitari. Gli autori dello studio ritengono però che questi cambiamenti possano avere un impatto negativo anche su altri insetti. A riportare la notizia è il portale Gm Watch, Secondo cui “I risultati del nuovo studio confermano anche i risultati precedenti secondo cui le tossine Bt non solo danneggiano gli insetti nocivi bersaglio, ma danneggiano anche gli insetti non bersaglio, compresi quelli che sono benefici per gli agricoltori perché mangiano insetti nocivi. Gli insetti predatori utili che hanno dimostrato di subire danni dalle tossine Bt includono Crisope e coccinelle”.

Lo studio precedente

Già nel 2017, un altro studio aveva riportato che la maggior parte delle varietà di mais insetticida Ogm Bt in Brasile, aveva perso la capacità di controllare il parassita autunnale lafigma entro tre anni dall’introduzione, poiché il parassita era diventato resistente alla tossina insetticida Bt nelle piante. Lo stesso modello di resistenza ai parassiti rapidamente evoluto è stato trovato in Argentina, Porto Rico e negli Stati Uniti.

Il meccanismo

Ora il nuovo studio mostra un altro meccanismo attraverso il quale le colture insetticide Bt potrebbero fallire. Le tossine Bt nel mais Ogm ingerite dal parassita autunnale vengono trasferite a un nemico naturale dello stesso lafigma, la cimice predatrice Podisus nigrispinus,– causando cambiamenti dannosi nelle cellule del suo intestino. Secondo gli autori questi cambiamenti potrebbero avere un impatto negativo sul ruolo degli insetti predatori.

Tossina ritrovata anche nello stomaco dei maiali

I risultati dello studio suggeriscono che gli enzimi digestivi di Podisus nigrispinus non degradano completamente le tossine Bt, contrariamente alle frequenti affermazioni dei sostenitori di questo tipo di prodotto, secondo cui queste proteine ​​si degradano rapidamente nel tratto gastrointestinale. Gli studi sui maiali hanno anche trovato proteine ​​della tossina Bt nella parte inferiore del tratto gastrointestinale di animali nutriti con mais Bt, confermando che queste tossine sono molto più stabili nell’intestino di quanto previsto dagli esperimenti industriali eseguiti per supportare l’approvazione normativa delle colture Bt. In alcuni casi questi effetti nocivi sono “mediati dalle prede” – in altre parole, gli effetti tossici si verificano indirettamente, quando l’insetto predatore si nutre di prede di insetti che a loro volta si sono nutrite di piante contenenti tossina Bt.

Implicazioni del nuovo studio

“Il nuovo studio è l’ultimo di una lunga serie di studi che sollevano interrogativi sugli effetti del consumo di colture Ogm Bt sull’intestino degli esseri umani e di altri animali. Ma mostra anche che gli effetti ecologici delle colture Ogm Bt vanno oltre gli specifici parassiti bersaglio per avere un impatto sui predatori naturali di quei parassiti, influenzando la sostenibilità dell’agricoltura – qualcosa a cui non viene data sufficiente attenzione nelle valutazioni normative di queste colture”, scrive Gm Watch.