La Scozia vuole autorizzare i neonicotinoidi negli allevamenti di salmoni

SALMONI
Columbia River, Oregon.

Il governo scozzese sembra pronto ad approvare un insetticida vietato – perché tossico per le api – negli allevamenti di salmoni come soluzione per sconfiggere i pidocchi di mare. E’ quanto emerge da un’inchiesta condotta dal giornale inglese The Guardian sulla base di alcuni documenti riservati pubblicati dal sito on line The Ferret. 

L’insetticida sotto accusa è l’imidacloprid, un neonicotinoide vietato dall’Unione europea nel 2018 per uso agricolo sulle colture: una decisione confermata questo mese dalla massima corte dell’UE, la Corte di giustizia europea, che ha respinto un ricorso del multinazionale chimica Bayer. Il divieto non si applica ai fiumi o al mare.

Il sito di notizie investigative The Ferret ha rivelato nel marzo 2020 che l’industria della itticoltura scozzese stava pianificando di utilizzare l’insetticida per uccidere i pidocchi di mare che possono infestare il salmone in gabbia.

Scoprendo una serie di e-mail ai sensi del Freedom of Information Act, hanno scoperto che il governo scozzese sembrava aiutare CleanTreat, un sistema che utilizza l’insetticida, ad essere accettato per l’approvazione normativa negli allevamenti ittici scozzesi.

Nelle e-mail, Annabel Turpie, direttrice di Marine Scotland, ha detto ai colleghi che avrebbe “aiutato con l’impegno” con i regolatori ambientali in modo che il trattamento potesse “navigare attraverso il sistema”.

L’insetticida è stato descritto da Dave Goulson, professore di biologia alla Sussex University, come “incredibilmente velenoso: il novichok per gli insetti”. Goulson, che faceva parte del team che ha identificato l’imidacloprid nel 66% dei 20 fiumi inglesi analizzati dall’Agenzia per l’ambiente tra il 2016 e il 18, ha dichiarato al Guardian: “La maggior parte del pubblico pensa che sia stato bandito e il problema è stato risolto. Ma con il suo utilizzo sui cani [come trattamento contro le pulci per animali domestici] e ora negli allevamenti ittici, è come il selvaggio west”. Ha detto che il sistema CleanTreat “deve chiaramente essere testato da un laboratorio indipendente“.

Un portavoce del governo scozzese ha dichiarato al giornale che promuove regolarmente l’innovazione, anche nell’allevamento ittico, ma ha affermato che tutti gli allevamenti di acquacoltura devono soddisfare “linee guida rigorose per garantire che gli effetti ambientali siano valutati e gestiti in modo sicuro”, con qualsiasi nuovo prodotto che deve essere sottoposto a “rigoroso test prima di concedere qualsiasi approvazione”.

Hanno detto che qualsiasi uso di imidacloprid richiederebbe l’autorizzazione della Scottish Environmental Protection Agency, che non ha ricevuto alcuna domanda per il suo utilizzo.

Intanto in Europa, questa settimana, la Commissione europea è stata invitata a ritirare una bozza di regolamento che autorizza i limiti di sicurezza dell’imidacloprid per i pesci d’allevamento, tra gli avvertimenti sul suo impatto “tossico” nei fiumi e nei corsi d’acqua. Una risoluzione di un eurodeputato dei Verdi, che sarà sottoposta al voto della commissione per l’ambiente della commissione nei prossimi giorni, chiede che l’imidacloprid sia invece elencato come un contaminante ambientale emergente per il quale non è possibile fissare livelli massimi per uso acquatico.