L’enorme quantità di olio da cucina importato dall’Ue per biofuel rischia di essere un boomerang ambientale

olio da cucina esausto

L’Europa importa molto olio da cucina usato (Uco) per utilizzarlo come biofuel, soprattutto in campo agricolo. Ma una nuova ricerca mette in discussione l’impatto ambientale dell’aumento delle importazioni di questo liquido di scarto. A dirlo è un report della campagna Transport & Environment, riportato dalla Bbc. L’olio di frittura e altri oli sono considerati rifiuti, quindi quando vengono utilizzati per produrre biodiesel si risparmiano le emissioni di carbonio sostituendo l’olio fossile. L’Ue promuove l’olio da cucina usato in base alla sua legge sui combustibili verdi, che sta facendo aumentare la domanda per il prodotto “di scarto”. E sebbene l’Europa possa aumentare la quantità di Uco che può essere acquistato localmente, ciò è limitato sia dalla capacità delle autorità locali di raccoglierlo sia dalla quantità di olio da cucina usato che gli europei e le industrie dell’UE possono produrre. La domanda in tutta Europa è tale che le importazioni ora rappresentano più della metà dell’Uco trasformato in carburante. Secondo lo studio condotto per conto CE Delft per conto di T&E, la domanda di Uco potrebbe raddoppiare nel 2030. Per i ricercatori, non c’è modo di dimostrare che queste importazioni siano sostenibili.

L’enorme bisogno dell’Ue

Lo studio scrive: “La Cina fornisce oltre un terzo (34%) delle importazioni europee di Uco, mentre quasi un quinto (19%) proviene dai principali produttori di olio di palma Malesia e Indonesia messi insieme. Secondo lo studio, entro un decennio il volume di cui l’Europa ha bisogno potrebbe raddoppiare a 6 milioni di tonnellate mentre i paesi dell’Ue si sforzano di raggiungere gli obiettivi per i combustibili rinnovabili nei trasporti. Ciò a sua volta potrebbe far sì che l’olio di palma venga utilizzato per sostituire l’olio da cucina nei paesi esportatori, incentivando allo stesso tempo le frodi (miscelazione di olio vergine)”. Poiché l’Uco viene conteggiato il doppio per gli obiettivi climatici nazionali ai sensi della direttiva sulle energie rinnovabili dell’Ue, è spesso scambiato a un prezzo più alto rispetto all’olio vergine. Ciò aumenta il rischio che gli oli vergini possano essere miscelati in modo fraudolento con Uco importato. Un tempo la soia e l’olio di palma erano ampiamente utilizzati come componenti del biodiesel, ma questa pratica è stata ampiamente screditata perché incoraggia la deforestazione. Ma con la quantità di biodiesel prodotto da Uco che aumenta di circa il 40% ogni anno dal 2014, semplicemente non c’è abbastanza olio da cucina da riutilizzare.

Si incoraggia indirettamente la deforestazione da palma

Ricorda la Bbc, che ,entre l’Uco è considerato un materiale di scarto in Europa, in Cina, Indonesia e Malesia è stato a lungo utilizzato per nutrire gli animali. Il rapporto solleva la questione di ciò con cui le persone in questi paesi stanno sostituendo l’Uco, quando viene esportato. “Poiché lo stiamo acquistando, hanno meno olio da cucina utilizzato da utilizzare per le cose per le quali lo stavano utilizzando in precedenza”, ha affermato Greg Archer di Transport & Environment. “E stanno solo comprando più olio vergine e quell’olio vergine è in gran parte olio di palma, perché è l’olio più economico disponibile. “Quindi indirettamente, stiamo solo incoraggiando una maggiore deforestazione nel sud-est asiatico”.

Il rischio frodi

Nel 2019, la Malesia ha esportato 90 milioni di litri di Uco nel Regno Unito e in Irlanda. I dati sulle loro esportazioni in altri paesi europei non sono disponibili, ma è probabile che il flusso di Uco sia simile. Con una popolazione di circa 33 milioni di abitanti, si tratta di quasi tre litri pro capite di olio usato raccolto ed esportato solo nel Regno Unito e in Irlanda. In confronto, la Thailandia, che ha una popolazione di 70 milioni di persone, è riuscita a raccogliere circa cinque milioni di litri di Uco nel 2019. “A causa della domanda dall’Europa, il prezzo dell’Uco è spesso superiore a quello dell’olio di palma. La preoccupazione è che alcuni trader senza scrupoli stanno semplicemente diluendo le spedizioni di Uco con l’olio di palma. Poiché oli di diversi tipi vengono miscelati alla rinfusa per il trasporto e non vengono effettuati test sui materiali, alcuni esperti ritengono che le frodi siano diffuse” scrive Bbc.

La risposta degli importatori

Il suggerimento di frode ovunque lungo la catena di approvvigionamento è respinto dalla European Waste-to-Advanced Biofuels Association (EWABA), che afferma che esistono solidi schemi di certificazione, e che un nuovo database sviluppato dall’Ue garantirà che i dati sul commercio, la certificazione e la sostenibilità su tutti i bio-liquidi dovranno essere registrati.