Crudeltà gratuita in un centro di sperimentazione animale. Le immagini choc di CFI

SPERIMENTAZIONE ANIMALE

Cruelty Free International (CFI) ha pubblicato le riprese fatte in un centro di sperimentazione animale spagnolo. Le scene sono raccapriccianti e mostrano i tecnici che agitano e fanno oscillare vigorosamente i topi per stordirli e sottometterli prima del dosaggio. Si vedono, inoltre, giovani roditori decapitati con le forbici o cani sollevati per la collottola e gettati in scatole o gabbie. A questo link è possibile visionare il video tenendo presente che si tratta di immagini davvero crude.

Vivotecnia – è questo il nome del laboratorio – è un’organizzazione di ricerca con sede a Madrid; conduce esperimenti su una vasta gamma di animali tra cui scimmie, cani, maialini, ratti, topi e conigli per le industrie biofarmaceutiche, chimiche, cosmetiche, del tabacco e alimentari.

“Lavoriamo per garantire il benessere animale”

L’amministratore delegato di Vivotecnia Andres König ha negato categoricamente l’esistenza di una cultura dell’abuso degli animali utilizzati negli esperimenti a Vivotecnia. “Lavoriamo in ogni momento per garantire la qualità del nostro lavoro, tenendo sempre in considerazione il benessere degli animali”, ha detto in una dichiarazione inviata al Guardian che ha pubblicato la notizia.

“Vorremmo sottolineare – ha aggiunto König – che in Vivotecnia Research il benessere degli animali è una priorità fondamentale. Le procedure di lavoro in Vivotecnia aderiscono alla direttiva dell’Unione Europea (2010/63 / UE) per la protezione degli animali da esperimento, nonché al regio decreto RD 53/2013 che stabilisce le regole di base applicabili per la protezione degli animali utilizzati per scopi sperimentali e altri scopi scientifici.

“Tutto il nostro personale tecnico è formato secondo l’ordinanza ministeriale ECC / 566/2015, abbiamo processi e protocolli per controllare il rispetto del codice di condotta interno, che viene monitorato attraverso una catena di comando, l’unità di garanzia della qualità, i nostri veterinari designati e il comitato etico, nonché da audit dei clienti e delle autorità “.

Secondo CFI, invece, gli animali non erano sempre monitorati – il personale lavorava dalle 8:00 alle 17:00 nei giorni feriali e meno nel fine settimana – e questo ha portato alla morte di diversi animali.

Violazione della legge

Il filmato sembra mostrare pratiche in violazione della legislazione spagnola e dell’UE – direttiva 2010/63 – che, tra le altre cose, impone di ridurre al minimo la sofferenza negli animali utilizzati negli esperimenti – ha spiegato CFI che sta conducendo una campagna per la chiusura della struttura e una revisione delle leggi sulla sperimentazione animale.

In una dichiarazione, la direttrice degli affari scientifici e normativi del CFI, Katy Taylor, ha dichiarato: “Questo filmato mostra ancora una volta il lato oscuro dei test di tossicità regolamentari sugli animali. La Commissione europea ci dice che la direttiva 2010/63 non solo protegge gli animali utilizzati nella scienza, ma fornisce anche una strategia per sostituire i test sugli animali. Non fa né l’uno né l’altro.

“Ci sono vari esempi di dove le procedure sono state eseguite così male o il trattamento è stato così male che hanno violato le direttive, ma … abbiamo anche casi di crudeltà gratuita e abuso.”

Il nostro approfondimento

Quello sulla necessità o meno della sperimentazione sugli animali è un argomento molto dibattuto da sempre: da poco il governo ha prorogato di un altro anno l’entrata in vigore del decreto legislativo 26 del marzo 2014 che prevede il divieto di utilizzo di animali per studiare i meccanismi di azione delle sostanze d’abuso e per sviluppare gli xenotrapianti. Di questo argomento, tra l’altro, ci siamo occupati anche noi del Salvagente con un servizio nel numero di febbraio (che si può acquistare qui) del nostro mensile in cui abbiamo messo a confronto le posizioni di chi è favorevole e di chi, invece, è contrario.