Inquinamento, quasi 1 bambino su 3 nel mondo avvelenato da piombo

piombo
Foto Unicef

Circa 1 bambino su 3, 800 milioni di bambini nel mondo, ha livelli di piombo nel sangue pari o superiori a 5 microgrammi per decilitro (µg / dL). Quasi la metà di questi bambini vive nell’Asia meridionale. E’ il risultato choc di uno studio pubblicato oggi e condotto da Unicef e Pure Earth. In Italia in media 160.862 bambini e ragazzi (0-19 anni) hanno livelli medi di piombo nel sangue superiori ai 5 microgrammi per decilitro e 20.963 hanno livelli medi di piombo nel sangue superiori a 10 microgrammi per decilitro.

“Con pochi primi sintomi, il piombo provoca silenziosamente devastazione per la salute e lo sviluppo dei bambini, con possibili conseguenze fatali“, ha affermato Henrietta Fore, direttore esecutivo dell’UNICEF. “Sapere quanto sia diffuso l’inquinamento da piombo – e comprendere la distruzione che provoca alle vite e alle comunità individuali – deve ispirare azioni urgenti per proteggere i bambini una volta per tutte”.

Il rapporto – The Toxic Truth – rivela che l’esposizione dei bambini all’inquinamento da piombo ha il potenziale di minare un’intera generazione. E’ noto, infatti, che il piombo è una potente neurotossina che provoca danni irreparabili al cervello dei bambini. È particolarmente distruttivo per neonati e bambini di età inferiore ai cinque anni in quanto danneggia il loro cervello prima che abbiano avuto l’opportunità di svilupparsi completamente, causando loro danni neurologici, cognitivi e fisici per tutta la vita.

L’esposizione al piombo nell’infanzia è stata anche collegata alla salute mentale e ai problemi comportamentali, nonché a un aumento della criminalità e della violenza. I bambini più grandi subiscono gravi conseguenze tra cui un aumento del rischio di danni ai reni e malattie cardiovascolari in età avanzata, afferma il rapporto.

Si stima che l’esposizione al piombo nell’infanzia abbia un costo per i paesi a basso e medio reddito di quasi $ 1 trilione di dollari a causa della perdita del potenziale economico di questi bambini durante la loro vita.

Il rapporto mostra che il riciclaggio informale e non conforme agli standard di batterie al piombo acido è una delle principali fonti di inquinamento da piombo nei bambini che vivono nei paesi a basso e medio reddito, in cui si è verificato un incremento di tre volte superiore del numero di veicoli dal 2000. L’incremento della proprietà di veicoli, combinato con la mancanza di una regolazione e di infrastrutture per il riciclo delle batterie dei veicoli, ha comportato che fino al 50% delle batterie a piombo acido venissero riciclate in modo non sicuro nell’economia informale.

I lavoratori che effettuano operazioni di riciclaggio pericolose e spesso illegali rompono casse di batterie aperte, versano acido e polvere di piombo nel terreno e fondono il piombo recuperato in forni grezzi a cielo aperto che emettono fumi tossici che avvelenano la comunità circostante. Spesso i lavoratori e la comunità esposta non sono consapevoli che il piombo sia una potente neurotossina.

Altre fonti dell’esposizione dei bambini al piombo comprendono la presenza di piombo nell’acqua a causa di tubi in piombo; il piombo proveniente dall’industria estrattiva come l’estrazione mineraria e il riciclaggio di batterie; pigmenti e pittura a base di piombo; benzina al piombo, che ha avuto una riduzione considerevole negli ultimi decenni, ma che è stata una delle principali fonti storiche; saldatura al piombo delle lattine di cibo; piombo in spezie, cosmetici, medicina ayurvedica, giocattoli e altri prodotti di consumo. I genitori le cui mansioni prevedono lavori con il piombo spesso portano a casa sui propri vestiti, capelli, mani e scarpe polvere contaminata, esponendo inavvertitamente i propri bambini a questo elemento tossico.

La buona notizia è che il piombo può essere riciclato in sicurezza senza esporre i lavoratori, i loro bambini e i quartieri circostanti. I siti contaminati da piombo possono essere riparati e ripristinati “, ha affermato Richard Fuller, Presidente di Pure Earth. “Le persone possono essere educate sui pericoli del piombo e autorizzate a proteggere se stesse e i propri figli. Il ritorno sull’investimento è enorme: miglioramento della salute, aumento della produttività, QI più elevati, meno violenza e futuri più luminosi per milioni di bambini in tutto il pianeta. ”

Mentre i livelli di piombo nel sangue sono diminuiti drasticamente nella maggior parte dei paesi ad alto reddito dopo l’eliminazione graduale della benzina al piombo e della maggior parte delle vernici a base di piombo, i livelli di piombo nel sangue per i bambini nei paesi a basso e medio reddito sono rimasti elevati e, in molti casi, pericolosamente alto anche un decennio dopo l’eliminazione globale delle benzine al piombo.