Il diabete può essere curato con lo sport?

diabete

La rubrica settimanale di Dottoremaeveroche, il sito della Federazione degli Ordini dei Medici (Fnomceo), si occupa di diabete e medicine “alternative”, attenzione, però, perché con questo termine non si intendono, come si potrebbe credere, le cure complementari più utilizzate, come l’omeopatia o la fitoterapia

Il controllo del diabete ci offre la possibilità di riflettere su quella che davvero possiamo considerare una terapia complementare o, in qualche caso, “alternativa”: l’esercizio fisico.
Oltre alle diverse terapie nutrizionali e farmacologiche, a giocare un ruolo fondamentale nel controllo del diabete è proprio l’attività fisica, i cui benefici sono innumerevoli e ben noti per chiunque, anche e in particolar modo per chi soffre di alcune malattie, come il diabete. L’attività fisica aiuta a controllare il peso, abbassare la pressione sanguigna, ridurre il colesterolo LDL (quello “cattivo”) e i trigliceridi dannosi, aiuta ad aumentare il colesterolo HDL (quello “buono”), aiuta a rinforzare i muscoli e le ossa, alleggerire il peso dei disturbi d’ansia e migliorare il benessere generale. Per le persone che soffrono di diabete ci sono ulteriori benefici: l’esercizio fisico abbassa i livelli di glucosio nel sangue e aumenta la sensibilità del corpo all’insulina.

Dottore, posso fare qualsiasi tipo di sport?

La scelta dell’attività fisica deve tenere conto di età, trattamento farmacologico e compenso glicemico, oltre che delle generali condizioni di salute. Le più recenti linee-guida dell’American Diabetes Association sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari nel diabete di tipo 1 e 2 consigliano almeno 30 minuti di esercizio fisico aerobico moderato, possibilmente tutti i giorni e comunque non meno di 3-4 volte a settimana. Le attività suggerite sono: camminata a passo svelto, passeggiate in bicicletta in pianura o cyclette, ginnastica, nuoto, ballo o giardinaggio. In uno studio condotto su oltre 5.000 persone è emerso che l’esercizio fisico minimo necessario a smaltire quotidianamente l’eccesso di calorie introdotte con l’alimentazione consiste in 30 minuti di cammino a passo spedito. Questo è il tempo necessario per smaltire quelle 100-150 calorie di troppo che mediamente ingeriamo ogni giorno con la dieta. Se si diminuisce la velocità si dovrà aumentare la durata della “passeggiata” da 30 a 45-60 minuti.