Acne tardiva? Attenti a questi tre: latte, cibi zuccherati e bibite gassate

acne

Latte, bibite gassate e cibi ricchi di zucchero. Se siete adulti e avete problemi di acne probabilmente sarà dovuto ad un consumo eccessivo di uno (o tutti) questi alimenti. E’ quanto emerge da uno studio francese basato sui dati di 25mila individui dall’età media di 55 anni i cui risultati sono pubblicati su JAMA Dermatology. Gli scienziati hanno condotto un’analisi trasversale sul campione coinvolto nel  NutriNet-Santé study, un’ampia e lunga indagine nata con lo scopo di studiare l’associazione tra alimentazione e salute.

“I risultati del nostro studio sembrano sostenere l’ipotesi che la dieta occidentale (ricca di prodotti animali e cibi grassi e zuccherati) sia associata alla presenza di acne nell’età adulta”, scrivono gli autori dello studio.

Alla base dello studio, un questionario sulle abitudini alimentari che i partecipanti hanno dovuto compilare: dalla loro analisi è emerso in particolare che il consumo quotidiano di una porzione di alimenti grassi o particolarmente zuccherati è associata al 54 per cento di probabilità in più di sviluppare la malattia della pelle.

I ricercatori si sono soffermati anche sulle cause, non giungendo tuttavia ad una conclusione univoca. Tra le ipotesi possibili c’è l’aumento dei livelli dell’ormone Igf-1 (il fattore di crescita insulino-simile) provocato da diete ad alto indice glicemico, ma anche da un consumo quotidiano di latte.  Alti livelli di Igf-1 sono associati all’infiammazione e allo stress ossidativo, processi che favoriscono lo sviluppo dell’acne. Inoltre una maggiore presenza in circolo dell’ormone Igf-1 stimola la produzione degli ormoni androgeni associati a loro volta alla produzione di sebo e quindi all’acne.