Dash cam, la telecamera che aiuta in caso di incidente e vandalismo sull’auto

Si chiamano dash cam e registrano tutto ciò che accade fuori dalla nostra automobile.

Registrano automaticamente incidenti e atti vandalici, salvando il filmato. E potrebbero risultare un ottimo aiuto in caso di grane con l’assicurazione. Sono facili da usare (si accendono quando si accende l’auto) e tanto piccole da poter essere montate sul cruscotto o sul parabrezza. I modelli più avanzati possono anche registrare audio e video interni, nonché video rivolti verso la parte posteriore, e persino livestream su Internet in modo che amici o parenti possano guardarci.

Alcune sono dotate di WiFi, altre prevedono connettività LTE 4G e iniziano a registrare automaticamente quando avvertono un incidente o un tentativo di irruzione in auto. Anche il Bluetooth è abbastanza comune.

Insomma potrebbero essere uno strumento interessante da tenere in macchina, sempre che si scelgano nel migliore dei modi.

Quale dash cam acquistare

Consumer Reports, il mensile dell’associazione dei consumatori nordamericani, ha stilato una serie di consigli per chi ne volesse acquistare una.

Primo fra tutti cercare quelle con un video in alta risoluzione per fornire un’immagine il più dettagliata possibile. Maggiore è la qualità dell’immagine, più facile è vedere dettagli importanti, come la targa sull’auto in movimento che ti ha speronato su un fianco, spiegano gli statunitensi. Il minimo è 1080p.

Capacità in condizioni di scarsa illuminazione. Una dash cam con funzionalità in condizioni di scarsa illuminazione aumenta le possibilità di ottenere un video utilizzabile anche di notte.

Ampio spazio di archiviazione. La maggior parte dei modelli ha la capacità di creare un file “evento” separato con la semplice pressione di un pulsante; in seguito è possibile scaricare il filmato su un telefono o un computer tramite una scheda SD rimovibile o tramite la connessione wireless integrata. Avere una scheda di memoria di grandi dimensioni aumenterà le possibilità che la tua dash cam conservi il filmato di cui hai bisogno, anche se non pensi di salvarlo fino a poche ore dopo un incidente. Cerca una scheda di memoria da 32 GB o superiore per il dispositivo, consigliano da Consumer Reports.

Il loop. Poiché la scheda di memoria in una dash cam non ha spazio infinito, registra in sezioni chiamate loop, che sono sostanzialmente piccoli video clip che fanno parte della registrazione continua più grande. Quando una scheda di memoria raggiunge la capacità, che varia in base alla risoluzione e alle impostazioni, la fotocamera inizierà prima a registrare sui loop più vecchi. È necessario un file di loop della durata di almeno 3 minuti. Un file di 5 minuti è ancora meglio.

Sensore di movimento. Molti modelli hanno un rilevatore di movimento che può attivare la registrazione o creare un file di eventi separato quando c’è movimento o qualcosa entra in contatto con l’auto mentre è parcheggiata. Questa è una funzione utile se la tua auto trascorre molto tempo in strada o in un parcheggio pubblico. Queste camere richiedono un pacco batteria interno o esterno o altra fonte di alimentazione, come un’installazione cablata.

GPS e WiFi. Le dash cam con un ricevitore GPS stabiliranno l’ora, la data e la posizione di qualsiasi incidente che catturano. Ma ricorda: i conducenti che tendono ad accelerare sono a rischio di dimostrare la propria colpevolezza. Il WiFi consente di scaricare facilmente filmati video su un telefono o un computer.

Vista surround. I modelli di dash cam di questo tipo possono fotografare chiunque si avvicini alla tua auto, indipendentemente dalla direzione da cui provengono.

Ci sono molte ragioni per avere una dash cam in macchina, spiegano gli americani, ma alla fine tutto si riduce a fornire prove. Un’immagine, come dice il proverbio, vale più di mille parole.