I guanti al supermercato? Inutili (lo dice anche l’Oms)

Rispondendo ad una delle tante FAQ presenti sul suo sito, l’Organizzazione mondiale della Sanità bolla come inutile l’uso dei guanti nel supermercato. In generale il loro uso può “aumentare il rischio di infezione, dal momento che può portare alla auto-contaminazione o alla trasmissione ad altri quando si toccano le superfici contaminate e quindi il viso”. E sui supermercati scrive: “In luoghi pubblici come i supermercati, oltre al distanziamento fisico, si raccomanda l’installazione di distributori di gel igienizzante per le mani all’ingresso e all’uscita. Migliorando ampiamente le pratiche di igiene delle mani, i paesi possono aiutare a prevenire la diffusione del nuovo coronavirus”.

In piena emergenza coronavirus lo avevamo già scritto noi del Salvagente spiegando anche le ragioni.

Innanzitutto perché se i guanti diventano permeabili, batteri, germi o virus possono penetrare sulla pelle. Lì troveranno le condizioni ideali: i batteri si moltiplicano rapidamente nell’ambiente caldo e umido.

È vero che inizialmente impediscono di toccare il carrello, ma il principale rischio è che la falsa sensazione di sicurezza ci porti a toccarci il viso o qualche oggetto e in questo caso la plastica non ci difenderà di certo.

Ultima considerazione riguarda un altro effetto collaterale questa volta per chi li indossa anche più a lungo di quanto necessario per la spesa: l’uso di queste “protezioni” fa dimenticare che l’unica misura davvero utile è il lavaggio accurato delle mani, con sapone per 40/50 secondi.