Non usate per ore il mouse di Apple, rischiate tendiniti

“Lavorare con un mouse sbagliato per ore e ore può causare dolore ai polsi, all’avambraccio e al gomito”. Un monito che arriva da dottori e fisioterapisti ma che diventa piuttosto clamoroso se quando parliamo di mouse sbagliati includiamo quello molto elegante e costoso di Apple.

È questo, per lo meno, il risultato di un test svizzero che ha preso in considerazione il “Magic Mouse 2” di Apple, arrivato all’ultimo posto nel test pratico K-Tipp dei 14 mouse per computer più venduti. Gli esperti sono stati particolarmente infastiditi dalla forma del mouse Apple: “L’avambraccio è troppo piatto” hanno osservato e ciò porta a una tensione muscolare costante nelle dita e nell’avambraccio e al rischio di tendiniti da mouse.

Altri tre prodotti hanno meritato la bocciatura. Tra questi il ​​secondo prodotto più costoso: l’”HP Bluetooth Mouse Z5000“. In questo caso: “Il mouse deve essere tenuto con le dita – osservano gli esperti – il che porta ad un aumento della tensione nei muscoli”. Insufficienti anche il “Microsoft Basic” e “Hama 3-Button-Mouse“.

Se Apple non ha voluto commentare il test K-Tipp, Hama, Microsoft e HP scrivono che i modelli insufficienti sono prodotti entry-level. Questi mouse sono progettati in modo da adattarsi alle mani di quante più persone possibile e sono destinati all’uso a breve termine a casa e non per ore in ufficio. Peccato che chi li compra non ne abbia idea.

Come evitare la tendinite da mouse

Ogni mano è diversa. Per questo motivo, i fisioterapisti e gli ergonomisti raccomandano di testare il mouse di un computer il più ampiamente possibile prima di acquistarlo. Soprattutto se ci lavori per diverse ore al giorno.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

  • Idealmente, il mouse dovrebbe supportare la postura naturale: il polso viene ruotato leggermente verso l’esterno. L’obiettivo è un angolo di 45 gradi tra il bordo del tavolo e il fondo dell’avambraccio.
  • Il polso dovrebbe essere facilmente supportato sul bordo posteriore del mouse. Dovrebbe essere rilassato, senza inutili tensioni muscolari.
  • Il mouse dovrebbe poi essere guidato fuori dal polso e dall’avambraccio e non con le dita.
  • Le dita si debbono trovare rilassate sul mouse, anche quando non viene utilizzato. Non dovresti aggrapparti al mouse.
  • Anche la postura in ufficio aiuta. Regola il tavolo e la sedia in modo che il gomito sia a livello con la tastiera.
  • Posiziona il mouse vicino alla tastiera. Ciò semplifica il passaggio tra mouse e tastiera e impedisce l’allungamento dell’avambraccio.