Giornata mondiale delle api: festeggiamo con l’80% di miele in meno

Compromessa fino ad ora la produzione di miele Made in Italy che a macchia di leopardo crolla fino all’80% rispetto alla media per effetto dell’andamento climatico anomalo con una grave siccità che ha ridotto le fioriture e stressato le api. E’ quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti in occasione della Giornata mondiale delle api, istituita dall’Onu e che ricorre il 20 maggio a livello globale.

“L’inverno bollente e la pazza primavera segnata da gelate – sottolinea la Coldiretti – hanno creato in molte Regioni gravi problemi agli alveari con le api che non hanno la possibilità di raccogliere il nettare. Il poco miele che sono riuscite a produrre se lo mangiano per sopravvivere, anche se non mancano lungo la Penisola situazioni più positive rispetto allo scorso anno”.

L’organizzazione dei coltivatori dimentica – purtroppo -che ad uccidere le api sono anche e soprattutto alcune classi di pesticidi: una su tutto i neonicotinoidi: le api, che entrano in contatto con essi perdono il senso dell’orientamento, non riescono a tornare alla colonia d’origine e muoiono. Il thiacloprid, nella lista dei neonicotinoidi, è sicuramente fra i più nocivi.

“Le difficoltà delle api – sottolinea la Coldiretti – sono un pericolo grave per la biodiversità considerato che sono un indicatore dello stato di salute dell’ambiente e servono al lavoro degli agricoltori con l’impollinazione dei fiori. In media una singola ape visita in genere circa 7mila fiori al giorno e ci vogliono quattro milioni di visite floreali per produrre un chilogrammo di miele. Tre colture alimentari su quattro dipendono in una certa misura per resa e qualità dall’impollinazione dalle api, tra queste ci sono mele, pere, fragole, ciliegie, cocomeri e meloni, secondo la Fao”.

A rischio è anche il miele con un raccolto che in Italia potrebbe essere anche peggiore del 2019 quando si è registrata una produ­zione nazionale di appena 15 milioni di chili a fronte di un quantitativo di quasi 25 milioni di chili importato durante l’anno dall’estero, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Istat

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

In Italia – spiega la Coldiretti – esistono più di 60 varietà di miele a seconda del tipo di ‘pascolo’ delle api. Nelle campagne italiane ci sono 1,5 milioni gli alveari curati da 60mila apicoltori di cui circa 2/3 produce per autoconsumo.