“Allarme arsenico nel riso per bambini”. Lo studio britannico

Allarme arsenico nel riso per bambini. L’Istituto per l’alimentazione sostenibile dell’Università di Sheffield ha scoperto che 28 dei 55 campioni di riso analizzati e venduti nel Regno Unito contenevano livelli del metallo pesante tossico superiori ai limiti ammessi dalla Ue per i neonati o i bambini di età inferiore ai cinque anni.

Il Regno Unito segue le normative della Commissione europea, pertanto le concentrazioni di arsenico inorganico devono essere inferiori a 0,20 milligrammi per chilogrammo di riso bianco (lucido) e meno di 0,25 mg per kg di riso integrale (non lucidato). Tuttavia, la concentrazione nel riso utilizzata per la produzione di alimenti per bambini o il consumo diretto è fissata a un massimo di 0,1 mg per kg. E le concentrazioni riscontrate dai ricercatori britannici erano in molti casi ampiamente superiori al limite di legge. L’arsenico totale nei 55 campioni di riso analizzati variava da 0,01 a 0,37 mg per kg con una media di 0,15 mg per kg. Nello specifico la concentrazione media di arsenico inorganico dei 28 campioni al di sopra del limite era di 0,152 mg per kg.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Ecotoxicology and Environmental Safety, ha mostrato che i rischi per la salute dovuti al consumo di riso con arsenico riguardano principalmente i neonati nel Regno Unito. I prodotti a base di riso e riso sono usati per lo svezzamento e come alimenti per neonati, a causa di benefici nutrizionali e relativamente bassi potenziale allergico. “I prodotti a base di riso sono spesso considerati un’opzione sicura per neonati e bambini piccoli – hanno spiegato gli autori dello studio – ma la nostra ricerca suggerisce che per oltre la metà del riso che abbiamo campionato, i neonati dovrebbero essere limitati a soli 20 grammi al giorno per evitare i rischi associati all’arsenico. Il governo e la Commissione europea devono introdurre l’etichettatura per avvertire le persone dei livelli di arsenico nel riso per consentire alle famiglie di fare scelte alimentari informate”.