Contadini contro l’Epa: la sua valutazione del glifosato è “parziale ed illegale”

Il Center for Food Safety per conto di un’ampia coalizione di braccianti agricoli, agricoltori e ambientalisti, ha intentato una causa federale contro l’Environmental Protection Agency (EPA) per aver rinnovato il via libera, all’inizio dell’anno, alla commercializzazione e all’uso del glifosato, il principio attivo del RoundUp Monsanto.

Mentre l’Epa difende il glifosato, in molti casi le giurie hanno scoperto che causa il cancro dando ragione a chi si è ammalato dopo l’esposizione continuata all’erbicida. Questo mentre l’Epa, dopo una revisione lunga 11 anni, ha consentito la continua commercializzazione del pesticida, nonostante l’incapacità dell’agenzia di valutare appieno il potenziale di interferente endocrino del glifosato o i suoi effetti sulle specie minacciate e in pericolo. La revisione è iniziata nel 2009, ha già impiegato 11 anni, senza una valutazione completa degli impatti dannosi diffusi sulle persone e sull’ambiente in quel periodo di tempo.

“L’approvazione dell’Epa è completata a metà, parziale e illegale sacrifica la salute dei contadini e delle specie in pericolo all’altare dei profitti della Monsanto”, ha affermato George Kimbrell, direttore legale della CFS e consulente della coalizione. “La resa dei conti per Roundup sta arrivando.”

“Contrariamente alle affermazioni dell’Epa di Trump, studi scientifici regolatori e indipendenti dimostrano che gli erbicidi a base di glifosato sono cancerogeni e hanno effetti negativi sugli organi interni”, ha affermato Bill Freese, analista di politica scientifica presso CFS. “Lungi dal consultare la” migliore scienza disponibile “, come sostiene l’EPA, l’agenzia ha fatto affidamento quasi interamente sugli studi della Monsanto, raccogliendo i dati più adatti al suo scopo e respingendo il resto”, ha aggiunto Freese. “La decisione del glifosato dell’EPA mostra la stessa ostilità nei confronti della scienza che ci aspettiamo da questa amministrazione, sia che si tratti di cambiamenti climatici o di salute ambientale”.

L’EPA ha giudicato il glifosato molto più criticamente negli anni ’80, quando l’agenzia lo ha designato un possibile agente cancerogeno e ha identificato effetti dannosi sul fegato, sui reni e sui sistemi riproduttivi. Grazie alle pressioni di Monsanto / Bayer, l’EPA da allora ha respinto questi danni e ha alzato illegittimamente la soglia di sicurezza – la quantità giornaliera di glifosato considerata sicura per tutta la vita – di 20 volte.

“I contadini e gli agricoltori che serviamo sono la spina dorsale del nostro sistema alimentare. Le loro famiglie sono le prime – ma non le ultime – a sostenere gli enormi costi della decisione irresponsabile dell’EPA, mentre gli azionisti corporativi della Monsanto-Bayer beneficiano”, ha affermato Lorette Picciano , direttore esecutivo della Rural Coalition.

Inoltre, l’EPA non è riuscito a raccogliere dati di base sulla quantità di glifosato assorbita dai corpi umani attraverso il contatto con la pelle o l’inalazione di goccioline spray. Queste vie di esposizione sono particolarmente significative per i lavoratori agricoli e gli altri che lavorano in giro e / o usano Roundup, proprio le persone che sono maggiormente a rischio di cancro e altri danni alla salute.

“Quanti altri lavoratori agricoli devono subire impatti sulla salute di se stessi e delle loro famiglie prima che l’EPA li” veda “le” persone invisibili “- e agisca?” disse Jeannie Economos della Farmworker Association of Florida. “L’EPA deve proteggere la salute umana prima che un’altra persona soffra di esposizione a patologie acute o croniche“.