Coronavirus, posso uscire per fare la spesa? Cosa devo fare per andare al lavoro? Le nuove regole

Da questa mattina in tutta Italia è vietato “ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita” dalla propria città, “nonché all’interno dei medesimi territori” e sono solo “sono consentiti spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute“. Per giustificare i propri movimenti occorre attestarlo con un’autocertificazione il cui modulo predisposto dal ministero dell’Interno si può scaricare qui. Naturalmente è consentito il “rientro presso il proprio domicilio, residenza o abitazione”.

Sono queste le nuove severissime misure adottate ieri sera dal governo Conte con il Dpcm 9 marzo in vigore da oggi, martedì 10 marzo, in tutta Italia in cui di fatto è vietato spostarsi e creare assembramenti in pubblico. Tuttavia ra le situazioni di necessità è contemplata anche l’uscita per fare la spesa e in una nota Palazzo Chigi ha spiegato: “Non c’è alcuna ragione di affrettarsi perché sarà garantito regolarmente l’approvvigionamento alimentare“.

I supermercati sono aperti?

Sì, non sono previsti orari anticipati di chiusura ma all’interno dei locali devono essere osservate le misure igieniche di contenimento del contagio, ovvero la distanza minima di un metro e nel caso il contingentamenteo degli accessi.

I centri commerciali sono chiusi?

Sono aperti dal lunedì al venerdì e chiusi nel weekend ad eccezioni dei supermercati e ipermercati che vendono alimentari che potranno essere aperti anche sabato e domenica.

I bar, ristoranti, pub, pizzerie, devono osservare particolari orari?

Si sono aperti dalle 8 alle 18 in tutta Italia

Posso uscire per fare la spesa? Serve l’autocertificazione?

Sì è contemplata la possibilità tra le “comprovate esigenze”. Serve compilare l’autocertificazione che tuttavia può essere scritta di proprio pugno anche di fronte a un controllo della polizia. Il modulo predisposto dal ministero dell’Interno è scaricabile qui. Il modulo che trovate, per ora, riporta ancora le indicazioni relative alle zone di sicurezza (Lombardia e 14 Province) ma vale già per tutto il territorio nazionale: insomma, se lo si scarica e compila, va bene per tutta Italia. Ricordiamo che si può ricopiare di proprio pugno e quindi indicare nel caso la provincia di appartenenza.

La spesa on line è consentita?

Sì, ovviamente e in molti casi è anche consigliata per evitare uscite inutili e ridurre il rischio contagio. In questo articolo di ieri Il Salvagente spiega quali sono le diverse condizioni (spesso consegna gratuita) dei diversi supermercati.

Ho un appuntamento importante di lavoro posso recarmi sul posto?

Sì autocertificando lo spostamento e dandone conto in caso di controlli di polizia.

Cosa rischia chi non rispetta il divieto di spostamento o non è in grado di comprovare necessità?

Tutti coloro che saranno fermati e forniranno una giustificazione senza riscontro scatterà la denuncia per inosservanza del provvedimento dell’autorità, l’articolo 650 del Codice penale punito con l’arresto fino a tre mesi e l’ammenda fino a 206 euro.