I prodotti per la pulizia della casa responsabili dell’asma dei più piccoli

Un’esposizione frequente ai comuni prodotti per la pulizia della casa può aumentare il rischio di un bambino di sviluppare l’asma. Lo studio condotto  dalla Simon Fraser University, un’università pubblica canadese situata nella Columbia Britannica, ha utilizzato i dati di 2.022 bambini arruolati nello studio di coorte canadese per lo sviluppo longitudinale di neonati sani ed ha esaminato la loro esposizione giornaliera, settimanale e mensile a 26 tipi di detergenti per la casa, compresi detersivi per piatti e biancheria, detergenti, disinfettanti, lucidanti e deodoranti per ambienti.

All’età di tre anni, il 7,9 per cento di coloro che vivevano in case in cui venivano usati prodotti per la pulizia avevano spesso l’asma. Questo è paragonato a quasi il cinque per cento diagnosticato da case che hanno utilizzato basse quantità di prodotti. I dati sono stati raccolti tra il 2008 e il 2015. I ricercatori hanno anche scoperto che la relazione tra esposizione del prodotto e problemi respiratori era molto più forte nelle ragazze rispetto ai ragazzi.

L’autore principale Jaclyn Parks ha affermato che i primi mesi di vita sono fondamentali per lo sviluppo del sistema immunitario e respiratorio di un bambino. “Lo studio ha dimostrato che i rischi di respiro sibilante e asma ricorrenti erano notevolmente più elevati nelle case con un uso frequente di determinati prodotti, come deodoranti liquidi o solidi, deodoranti plug-in, spray per spolverare, disinfettanti per le mani antimicrobici e detergenti per forno”, ha dichiarato Parks in una nota.

“Potrebbe essere importante per le persone prendere in considerazione la rimozione dei prodotti profumati per la pulizia a spruzzo dalla loro routine di pulizia. Crediamo che l’odore di una casa sana non sia affatto un odore”.