Tinder e le altre app per incontri vendono i vostri dati personali a centinaia di aziende

Uno studio norvegese mostra come le app più diffuse, tra cui Grindr, OkCupid, Tinder e le app Clue e MyDays per il monitoraggio dei periodi, condividono dati intimi sui consumatori con decine di aziende coinvolte nel settore pubblicitario. A dirlo è Consumer Reports, che riporta i risultati di una ricerca condotta dal Norwegian Consumer Council, che ha esaminato 10 app e ha scoperto che stavano fornendo collettivamente informazioni personali ad almeno 135 società diverse.

Consumer Reports scrive: “I dettagli includono dati che potrebbero indicare le preferenze sessuali e le credenze religiose degli utenti, insieme a informazioni come compleanni, dati Gps e numeri Id associati a singoli smartphone, che possono aiutare a ricollegare tutti i dati a una singola persona”. L’elenco delle aziende che ricevono le informazioni include nomi familiari come Amazon, Facebook e Google, ma la maggior parte sono poco conosciuti al di fuori del settore tecnologico, come AppsFlyer, Fysical e Receptiv.

La condivisione dei dati non è limitata a queste app, affermano i ricercatori. Secondo il rapporto, “A causa della portata dei test, delle dimensioni delle terze parti osservate durante la ricezione dei dati e della popolarità delle app, riteniamo che i risultati di questi test siano rappresentativi di pratiche diffuse”, “Tuttavia, ci sono sempre più usi oltre la pubblicità mirata”, afferma Serge Egelman, un ricercatore di sicurezza digitale e privacy presso l’Università della California, Berkeley, che studia come le app raccolgono i dati dei consumatori. Gli hedge fund e altre aziende acquistano i dati sulla posizione per analizzare le vendite al dettaglio e pianificare gli investimenti, e le campagne politiche utilizzano risme di dati personali da dispositivi mobili per identificare potenziali sostenitori per una diffusione mirata.

Nelle mani sbagliate, i database di informazioni che includono dettagli come l’orientamento sessuale o l’affiliazione religiosa potrebbero rendere i consumatori vulnerabili alla discriminazione e allo sfruttamento, afferma lo studio È quasi impossibile determinare dove finiscono tutti i dati. L’Ncc ha scoperto numerose violazioni della legge sulla privacy in Europa, il Gdpr, soprattutto dentro l’app di incontri Lgbtq Grindr. Per questo l’organizzazione sta presentando un reclamo ufficiale contro la società e un certo numero di altre aziende che hanno ricevuto dati da Grindr. Ogni app nello studio ha condiviso dati con terze parti, inclusi attributi personali come sesso ed età, ID pubblicità, indirizzo IP, posizioni GPS e comportamento degli utenti. Ad esempio, una società chiamata Braze ha ricevuto dettagli intimi sugli utenti da OKCupid e Grindr, comprese le informazioni inviate dagli utenti per la creazione di incontri come dettagli sulla sessualità, opinioni politiche e uso di droghe.